The Killing of a Sacred Deer (2017)
120 battements par minute (2017)
Makala (2017)
A Ciambra (2017)
In the Fade (2017)
Happy End (2017)
Jupiter's Moon (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

PREMI Spagna

email print share on facebook share on twitter share on google+

La isla mínima e Carmina y amén insigniti dei Premi Feroz

di 

- L’Associazione di Informatori Cinematografici di Spagna spiana la strada, con cinque statuette, al thriller di Alberto Rodríguez verso gli imminenti premi Goya

La isla mínima e Carmina y amén insigniti dei Premi Feroz
I vincitori dei Premi Feroz

La seconda edizione dei Premi Feroz, trofei a forma di testa di lupo assegnati dall’Associazione degli Informatori Cinematografici di Spagna (leggi la news), si sono celebrati ieri sera in un tendone eretto nell'arena di Las Ventas (Madrid), da cui è uscito trionfatore La isla mínima [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Alberto Rodríguez
scheda film
]
, con cinque premi: miglior film, regista (Alberto Rodríguez), attore protagonista (Javier Gutiérrez), musica originale (Julio de la Rosa) e trailer, categoria generalmente poco riconosciuta in questi eventi. Come miglior commedia del 2014, Paco León ha sollevato il suo Feroz per Carmina y amén [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, assicurando che “con questo genere si può andare molto lontano”.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Bárbara Lennie è stata proclamata miglior attrice protagonista per Magical Girl [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Carlos Vermut
scheda film
]
, film che ha visto riconosciuto anche il talento di Carlos Vermut sia nello scrivere storie originali (miglior sceneggiatura) che nel disegnare poster (altra categoria, quella della locandina, poco valorizzata e che, insieme al trailer, svolge un innegabile lavoro promozionale). Il quarto Feroz di Magical Girl è andato al veterano José Sacristán, miglior attore non protagonista.

Ma sono stati due i momenti in cui gli invitati, raggruppati ai tavoli per squadre dei film candidati (in stile Golden Globes), si sono alzati in piedi per applaudire: quando è salita sul palco Itziar Aizpuru, miglior attrice non protagonista per Loreak (Flores) [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
– e ingiustamente dimenticata alle nomination dei Goya – e quando è stato consegnato il Premio Feroz alla carriera a Carlos Saura, un artista che ha dedicato la sua vita al cinema in oltre 40 pellicole e che ha affermato: “Confido molto nella nuova generazione di cineasti spagnoli”.

A questa nuova ondata appartiene Lois Patiño, autore di Costa da Morte [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Lois Patiño
festival scope
scheda film
]
(Premio Feroz Speciale) che, definendosi “l’ousider” della serata, ha rivendicato la sperimentazione e ha elogiato il cinema che si sta girando in Galizia. 

(Tradotto dallo spagnolo)

Producers on the Move
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Filmitalia Cannes 2017