Dopo l'amore (2016)
Belle Dormant (2016)
Miséricorde (2016)
La comune (2016)
Sámi Blood (2016)
Grave (2016)
Lady Macbeth (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FESTIVAL Germania

email print share on facebook share on twitter share on google+

Chrieg vince il Premio Max Ophüls

di 

- Il film svizzero è il trionfatore della 36ma edizione del festival dedicato alla scoperta di talenti germanofoni

Chrieg vince il Premio Max Ophüls
Chrieg di Simon Jaquemet

Il 36mo Festival Max Ophüls (19-25 gennaio) si è concluso con la vittoria di un film elvetico. L’evento di Sarrebruck, dedicato alla scoperta dei talenti del cinema germanofono di domani, ha infatti incoronato Chrieg [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Simon Jaquemet
scheda film
]
di Simon Jaquemet. La giuria che comprendeva l’attore tedesco Devid Striesow e il regista Jakob Lass (vincitore del Premio Max Ophüls l’anno scorso per l’originale Love Steaks [+leggi anche:
trailer
festival scope
scheda film
]
), ha ammirato questa opera prima che dipinge un giovane arrabbiato e dei genitori impotenti per "il suo vigore, la sua chiarezza e la sua autenticità" e per il modo in cui il protagonista "trova la sua identità e la sua fiducia là dove lo spettatore meno se l’aspetta". Il giovane attore principale del film, Benjamin Lutzke, ha ricevuto il premio del miglior interprete maschile. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il Premio della Ministro-Presidente della Sarre è andato a un altro svizzero: Karim Patwa per Driften, con Sabine Timoteo e Max Hubacher nei ruoli di giovani personaggi  ardenti in preda a conflitti interiori. La giuria ha amato questo "dramma psicologico nello stile del cinema indipendente americano". Il film ha anche ottenuto il Premi Fritz-Raff della miglior sceneggiatura e il Premio della giuria ecumenica.

Il Premio del film d’interesse sociale è andato alla coproduzione svizzero-croato-bosniaca Cure [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Andrea Staka
scheda film
]
di Andrea Staka, in cui un’adolescente croata di ritorno a Dubrovnik dopo l’assedio del 1991-1992, si ritrova ossessionata dalla morte di un’amica.  

Il pubblico e la giuria giovane hanno entrambi premiato Freistatt [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del tedesco Marc Brummund. Il premio della miglior attrice è andato alla sua giovane connazionale Lore Richter per la sua performance in In uns das Universum di Lisa Krane. Il premio del miglior documentario ha ricompensato un altro tedesco: Hubertus Siegert per Beyond Punishment.

Per consultare la lista di tutti i vincitori del Festival Max Ophüls, clicca qui.

(Tradotto dal francese)

courgette oscar shortlist
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

suspi_2016_web300x250