La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
Paris La Blanche (2016)
Félicité (2017)
Waldstille (2016)
The Other Side of Hope (2017)
Noces (2016)
El bar (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FESTIVAL Germania

email print share on facebook share on twitter share on google+

Chrieg vince il Premio Max Ophüls

di 

- Il film svizzero è il trionfatore della 36ma edizione del festival dedicato alla scoperta di talenti germanofoni

Chrieg vince il Premio Max Ophüls
Chrieg di Simon Jaquemet

Il 36mo Festival Max Ophüls (19-25 gennaio) si è concluso con la vittoria di un film elvetico. L’evento di Sarrebruck, dedicato alla scoperta dei talenti del cinema germanofono di domani, ha infatti incoronato Chrieg [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Simon Jaquemet
scheda film
]
di Simon Jaquemet. La giuria che comprendeva l’attore tedesco Devid Striesow e il regista Jakob Lass (vincitore del Premio Max Ophüls l’anno scorso per l’originale Love Steaks [+leggi anche:
trailer
festival scope
scheda film
]
), ha ammirato questa opera prima che dipinge un giovane arrabbiato e dei genitori impotenti per "il suo vigore, la sua chiarezza e la sua autenticità" e per il modo in cui il protagonista "trova la sua identità e la sua fiducia là dove lo spettatore meno se l’aspetta". Il giovane attore principale del film, Benjamin Lutzke, ha ricevuto il premio del miglior interprete maschile. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il Premio della Ministro-Presidente della Sarre è andato a un altro svizzero: Karim Patwa per Driften, con Sabine Timoteo e Max Hubacher nei ruoli di giovani personaggi  ardenti in preda a conflitti interiori. La giuria ha amato questo "dramma psicologico nello stile del cinema indipendente americano". Il film ha anche ottenuto il Premi Fritz-Raff della miglior sceneggiatura e il Premio della giuria ecumenica.

Il Premio del film d’interesse sociale è andato alla coproduzione svizzero-croato-bosniaca Cure [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Andrea Staka
scheda film
]
di Andrea Staka, in cui un’adolescente croata di ritorno a Dubrovnik dopo l’assedio del 1991-1992, si ritrova ossessionata dalla morte di un’amica.  

Il pubblico e la giuria giovane hanno entrambi premiato Freistatt [+leggi anche:
trailer
intervista: Louis Hofmann
scheda film
]
del tedesco Marc Brummund. Il premio della miglior attrice è andato alla sua giovane connazionale Lore Richter per la sua performance in In uns das Universum di Lisa Krane. Il premio del miglior documentario ha ricompensato un altro tedesco: Hubertus Siegert per Beyond Punishment.

Per consultare la lista di tutti i vincitori del Festival Max Ophüls, clicca qui.

(Tradotto dal francese)

CASI HECHO Home
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Doc Spring