Valley of Shadows (2017)
On Body and Soul (2017)
The Line di Peter Bebjak
God's Own Country (2017)
Absence of Closeness (2017)
Handia (2017)
I Am Not a Witch (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

PREMI Belgio

email print share on facebook share on twitter share on google+

I fratelli Dardenne profeti in patria

di 

- La 5^ cerimonia dei Magritte del cinema belga si è tenuta sabato sera, consacrando (finalmente) i fratelli Dardenne per Due giorni, una notte

I fratelli Dardenne profeti in patria
Luc e Jean-Pierre Dardenne, con il loro Magritte

I professionisti del cinema belga, riunitisi sabato sera per i Magritte del cinema belga, ha finalmente – è il caso di dire – consacrato il lavoro di Luc e Jean-Pierre Dardenne, attribuendo ai due fratelli i premi del Miglior film e del Miglior regista per Due giorni, una notte [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Luc and Jean-Pierre Dardenne
scheda film
]
.

Nel 2012, i fratelli se ne erano ripartiti a mani vuote, o quasi, con Il ragazzo con la bicicletta [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Jean-Pierre e Luc Dardenne
scheda film
]
, al quale l’Académie Delvaux aveva preferito Les Géants [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
film focus
intervista: Bouli Lanners
scheda film
]
di Bouli Lanners. Certo, nessuno è profeta in patria, ma il fatto che i Dardenne, acclamati in tutto il mondo e membri dell’esclusivo club dei registi che hanno ricevuto due Palme d’oro, avessero sfiorato il Magritte, all’epoca appena nato, aveva un retrogusto un po’ amaro. Il danno è ora riparato, tanto più che il Magritte del miglior attore è stato assegnato a Fabrizio Rongione per Due giorni, una notte. Un primo riconoscimento per l’attore scoperto dai Dardenne in Rosetta, dove recitava al fianco di un’altra esordiente, Emilie Dequenne, che ha ricevuto il Magritte della miglior attrice per la sua performance in Pas son genre [+leggi anche:
trailer
intervista: Lucas Belvaux
scheda film
]
. Ed è a Jérémie Rénier, scoperto in La Promesse e da allora fedele collaboratore dei fratelli, che è andato il Premio del miglior attore non protagonista per la sua performance in Saint Laurent [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
Q&A: Bertrand Bonello
scheda film
]
di Bonello. Questi tre premi dell’interpretazione sottolineano, quindi, l’incredibile capacità di talent scout dei due registi. Premiati inoltre i Dardenne coproduttori, con Les Films du Fleuve, di Marina [+leggi anche:
trailer
intervista: Cristiano Bortone
scheda film
]
di Stijn Coninx: il film ha ricevuto tre premi (miglior scenografia, migliori costumi e miglior film fiammingo).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Del resto del palmarès si segnala il Premio della sceneggiatura attribuito a Lucas Belvaux per Pas son genre (lo aveva ricevuto anche nel 2013 per 38 Témoins [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
) e il Premio della fotografia assegnato a Manu Dacosse per il suo notevole lavoro sull’insolito film di Cattet e Forzani, L’Etrange Couleur des Larmes de ton Corps [+leggi anche:
recensione
trailer
festival scope
scheda film
]
. Infine, l’Académie Delvaux ha seguito le orme dei César aggiudicando il Premio della miglior promessa maschile a Marc Zinga per Les Rayures du Zèbre [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, che concorrerà ai César nella stessa categoria per il suo ruolo in Qu’Allah bénisse la France [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, e di cui si è appreso da poco che incarnerà il cattivo in Spectre, il prossimo James Bond.

Palmarès

MIGLIOR FILM
Due giorni, una notte, di Jean-Pierre e Luc Dardenne

MIGLIOR REGISTA
Jean-Pierre e Luc Dardenne, per Due giorni, una notte

MIGLIOR FILM FIAMMINGO
Marina, di Stijn Coninx

MIGLIOR OPERA PRIMA (Magritte assegnato dal pubblico)
Je te survivrai [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, di Sylvestre Sbille

MIGLIOR SCENEGGIATURA
Lucas Belvaux, per Pas son genre

MIGLIOR ATTORE
Fabrizio Rongione, per Due giorni, una notte

MIGLIOR ATTRICE
Emilie Dequenne, per Pas son genre

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA
Jérémie Renier, per Saint Laurent

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA
Lubna Azabal, per La Marche [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Nabil Ben Yadir
scheda film
]

MIGLIOR PROMESSA FEMMINILE
Ambre Grouwels, per Baby Balloon [+leggi anche:
trailer
scheda film
]

MIGLIOR PROMESSA MASCHILE
Marc Zinga, per Les Rayures du Zèbre

MIGLIOR SCENOGRAFIA
Hubert Pouille, per Marina

MIGLIORI COSTUMI
Catherine Marchand, per Marina

MIGLIOR FOTOGRAFIA
Manu Dacosse, per L'Etrange couleur des larmes de ton corps

MIGLIOR SUONO
Henri Morelle e Luc Thomas, per Pas son genre

MIGLIOR MONTAGGIO
Damien Keyeux, per La Marche

MIGLIOR MUSICA ORIGINALE
Soldout per Puppy Love [+leggi anche:
recensione
trailer
festival scope
scheda film
]

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO
La Bûche de Noël, di Stéphane Aubier e Vincent Patar

MIGLIOR DOCUMENTARIO
Quand je serai dictateur, di Yaël André

MAGRITTE D’ONORE
Pierre Richard

(Tradotto dal francese)

Astra
EPI Distribution
LIM
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss