Una vita (2016)
Out (2017)
Bigfoot Junior (2017)
The Party (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Glory (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

USCITE Francia

email print share on facebook share on twitter share on google+

La Mars distribuisce Il totem del lupo in 383 sale cinematografiche

di 

- Il film d’avventura girato in Cina da Jean-Jacques Annaud è molto atteso. Nelle sale arrivano anche Hungry Hearts e A 14 ans

La Mars distribuisce Il totem del lupo in 383 sale cinematografiche
Il totem del lupo di Jean-Jacques Annaud

Jean-Jacques Annaud è un gigante del cinema internazionale, il cui 12mo lungometraggio sbarca oggi nelle sale cinematografiche: la co-produzione cino-francese Il totem del lupo [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, distribuita da Mars Distribution in 383 copie.

Rimasto nell’ombra nell’ultimo decennio e raramente elogiato dalla critica, il regista de Il nome della rosa, La guerra del fuoco, L’amante e ancora di Sette anni in Tibet, è tornato alla ribalta in modo audace e riuscito, cimentandosi nel regno animale, in cui aveva già dimostrato il suo talento con L’orso nel 1988 (9,1 milioni di incassi in Francia e 7,99 negli Stati Uniti) e con le tigri de Due fratelli (3,3 milioni di spettatori in Francia nel 2004).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

480 tecnici, 200 cavalli, quasi un milione di pecore, 25 lupi, senza contare la cinquantina di persone che si occupavano di addestramento e cura: Il totem del lupo ha utilizzato tutti i mezzi necessari al fine di realizzare uno splendido film di avventura, segnando così l’immersione di un cineasta francese in terra cinese, una sorta di Eldorado capace di stimolare il desiderio di tutti i professionisti dell’industria cinematografica mondiale. “Ormai vedo la Cina più come un possibile partner per la Francia che come un concorrente”, sottolinea Jean-Jacques Annaud. “La vera concorrenza della Cina è americana. E di scarsa qualità. I film hollywoodiani che rientrano in quello che sta diventando il più grande mercato cinematografico del mondo negli anni a venire, sono i blockbuster standardizzati, fatti di idee prevedibili e immagini globalizzate. I professionisti cinesi sono avidi di scambi maggiormente diversificati. L’odierna industria del cinema cinese mi fa pensare all’Italia degli anni 60, i bei tempi del peplum e degli spaghetti western, dove la macchina per girare le riprese di bassa qualità permetteva di fare cinema di alti livelli sotto la spinta di grandi creatori”.

Oggi arriva nelle sale anche un primo lungometraggio francese degno di nota, che si immerge in maniera molto realistica nel cuore dell’adolescenza: A 14 ans [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Hélène Zimmer (leggi l'articolo - Ad Vitam in 27 copie).

Da tenere presente anche le 58 copie distribuite da Bac Films per Hungry Hearts [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Saverio Costanzo
scheda film
]
dell’italiano Saverio Costanzo (leggi la critica e l'intervista al regista) che ha permesso alla connazionale Alba Rohrwacher e all’americano Adam Driver di aggiudicarsi i due premi come Migliori attori protagonisti alla Mostra di Venezia 2014.

Tra le altre novità di questo mercoledì, si segnalano La duchesse de Varsovie [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Joseph Morder (con Alexandra Stewart e Andy Gillet nel cast - Epicentre Films in 20 copie), la coproduzione israelo-francese Loin de mon père di Karen Yedaya (scoperta alla sezione Un Certain Regard di Cannes - Sophie Dulac Distribution in 8 copie) e Inupiluk + Le film que nous tournerons au Groenland, due cortometraggi di 32 minuti, entrambi di Sébastien Betbeder (UFO Distribution).

(Tradotto dal francese)

DPC
WBImages Locarno
Swiss Locarno
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss