Glory (2016)
The Party (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
Out (2017)
L'altro volto della speranza (2017)
Quello che so di lei (2017)
Una vita (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

PERSONAGGI Portogallo

email print share on facebook share on twitter share on google+

Il Portogallo dice addio a Manoel de Oliveira

di 

- Il regista più acclamato del Portogallo è morto questa mattina all'età di 106 anni

Il Portogallo dice addio a Manoel de Oliveira
Manoel de Oliveira

Manoel de Oliveira è morto questa mattina all'età di 106 anni. Oltre ad essere il regista portoghese più acclamato a livello internazionale, è stato anche il più anziano regista attivo nel mondo. La sua produzione include 33 film e diversi cortometraggi, e la sua morte ha suscitato immenso dolore tra i professionisti del cinema locali e internazionali e tra i fan appassionati.

Manoel de Oliveira è nato l'11 dicembre 1908 a Porto. Dopo aver lavorato al film Fátima Milagrosa di Rino Lupo nel 1928, ha diretto il suo primo cortometraggio, Douro, Faina Fluvial, nel 1931. Il suo canto del cigno, O Velho do Restelo, ha debuttato lo scorso anno al Festival di Venezia prima di una distribuzione cinematografica locale, lanciata per festeggiare il suo 106° compleanno (per saperne di più clicca qui).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Tra Douro, Faina Fluvial e O Velho do Restelo, Oliveira ha goduto di una carriera di 83 anni, durante i quali ha scritto e diretto diversi film considerati emblematici nella storia del cinema portoghese, come, nei primi decenni, Aniki Bobó (1942) e O Pintor e a Cidade (1956). Ma è stato solo dopo la Rivoluzione, nel 1974, che Oliveira entrò in un periodo creativo più prolifico, costruendo una produzione più solida e regolare, che comprende diversi adattamenti letterari e film che riflettono sulla storia del Portogallo. Tra i più famosi ricordiamo Amor de Perdição (1979), Francisca (1981), Non, ou A Vã Glória de Mandar (1990), O Convento (1995), Party (1996), Palavra e Utopia (2000) e, più recentemente, Belle Toujours [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(2006) e The Strange Case of Angelica [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(2010), basato su una sceneggiatura originale scritta 40 anni prima.

Nel 2011, intervistato da un quotidiano locale, il 103enne Oliveira ha parlato della sua vita, ma anche della sua morte: "Non ho per niente paura. Temo il dolore, non la morte. Una volta morti, il nostro spirito è libero."Il suo desiderio era quello di continuare a lavorare fino alla sua morte, ed è proprio quello che ha fatto. Già fisicamente debilitato, è riuscito a girare parte del suo ultimo cortometraggio, O Velho do Restelo, nel giardino della sua casa di Porto.

A volte criticato dai suoi detrattori per lo stile pretenzioso e teatrale dei suoi film, Oliveira è rimasto indifferente alle critiche e ha costruito la sua fama di regista di talento e senza compromessi, che non solo ha influenzato le generazioni più giovani, ma ha anche contribuito a plasmare l'immagine del cinema d'autore portoghese in tutto il mondo.

Le reazioni alla sua morte renderanno certamente omaggio all'uomo e al suo talento, ma è probabile che nessun omaggio sarà mai più spiritoso o più efficace di un commento fatto una volta dal regista João César Monteiro: in Portogallo c'è un regista che è troppo grande per il Paese, e ci sono quindi solo due soluzioni: o il Paese si espande o si restringe il regista. Riposa in pace, maestro.

(Tradotto dall'inglese)

Emilia Romagna_site IT
Film Business Course
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss