La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
Orpheline (2016)
Félicité (2017)
Paris La Blanche (2016)
Waldstille (2016)
The Other Side of Hope (2017)
Noces (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

CANNES 2015 Mercato/Gran Bretagna/Danimarca/Belgio/Bulgaria

email print share on facebook share on twitter share on google+

Latido presenta I Want to Be Like You sulla Croisette

di 

- Avé del regista Konstantin Bojanov ha partecipato alla Settimana della Critica nel 2011

Latido presenta I Want to Be Like You sulla Croisette
Il regista Konstantin Bojanov

La Latido Films, con sede a Madrid, si occupa delle vendite internazionali di I Want to Be Like You [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Konstantin Bojanov e lo presenterà agli acquirenti di Cannes. Scritto a quattro mani da Bojanov e dalla scrittrice inglese Rebecca Lenckiewicz (Ida [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Pawel Pawlikowski
intervista: Pawel Pawlikowski
scheda film
]
), il film racconterà la storia di Pawel, immigrato di seconda generazione e artista in erba, che vive a Birmingham con la madre. Inizierà un viaggio on the road per incontrare il suo eroe, il leggendario pittore francese Arnaud. I protagonisti del film sono Barry Keoghan (‘71 [+leggi anche:
trailer
film focus
Q&A: Yann Demange
scheda film
]
), Thure Lindhardt (Byzantium [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), Solene Rigot (Puppy Love [+leggi anche:
recensione
trailer
festival scope
scheda film
]
) e la leggenda europea Klaus Maria Brandauer. Le prime riprese verranno girate a luglio a Copenaghen, nella regione West Midlands della Gran Bretagna e in Belgio.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Bojanov era a Cannes nel 2011 con un altro road movie, Avé [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Konstantin Bojanov
scheda film
]
, proiettato alla Settimana della Critica. “I Want to Be Like You è una storia che parla di un’ossessione, di un’adorazione ceca per un idolo artistico. In un certo senso, è una riflessione sulla mia personale relazione con l’arte. Durante la mia adolescenza, l’arte era un impegno quasi religioso, una questione di vita o di morte. Incapace di relazionarmi con i miei compagni, cercavo una guida spirituale nelle anime torturate dei secoli passati. A 16 anni, ho lasciato la scuola d’arte per trasferirmi in un villaggio sperduto dove un ascetico pittore, per cui nutrivo una grande ammirazione, aveva vissuto. Inutile dire che questa impresa romantica ha avuto vita breve e si è conclusa con conseguenze quasi fatali”, ha dichiarato Bojanov.

Il film, con un budget di € 2 milioni, è una co-produzione tra Toolbox Film (Danimarca) Film and Music Entertainment (Gran Bretagna), Left Field Ventures (Belgio) e Multfilm (Bulgaria). Il film è già stato venduto alla 41 Shadows in Danimarca.

(Tradotto dall'inglese)

Bridging the Dragon
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

CASI HECHO Home