Beauty and the Dogs (2017)
On Body and Soul (2017)
Handia (2017)
Valley of Shadows (2017)
Laissez bronzer les cadavres (2017)
I Am Not a Witch (2017)
The Square (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

DISTRIBUZIONE Europa

email print share on facebook share on twitter share on google+

"La territorialità resterà"

di 

- Alla conferenza di Europa Distribution a Karlovy Vary, gli esperti hanno discusso la controversa riforma del copyright dell'UE

"La territorialità resterà"
Da sinistra a destra: Julie-Jeanne Régnault, EFADs; Pavel Svoboda, Parlamento Europeo; Doris Pack, Parlamento Europeo; Bogdan Wenta, Parlamento Europeo; e Christine Eloy, Europa Distribution

L'imminente riforma della legge europea sul copyright sta scuotendo il settore da mesi. Se fornire licenza su base territorio-per-territorio non è più possibile, l'intero settore dell'audiovisivo sarà a rischio. Le proposte dell'UE di riformare il quadro del copyright e di sospendere il principio di territorialità in favore del mercato unico digitale renderebbe il finanziamento e la distribuzione di film indipendenti impossibile. Tuttavia, sembra esserci stata una svolta decisiva nell'atteggiamento della Commissione Europea. "La territorialità rimarrà", ha dichiarato Pavel Svoboda, presidente della Commissione per gli Affari Legislativi del Parlamento Europeo, in occasione della conferenza di Europa Distribution sui contenuti europei nell'era digitale al 50° Karlovy Vary International Film Festival.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La Commissione Europea sta lavorando sulla strategia per il mercato digitale e presenterà delle proposte legislative entro la fine dell'anno. I membri della commissione parlamentare stanno redigendo i loro rapporti, ma le loro decisioni probabilmente non avranno alcuna conseguenza in termini di territorialità, come ha affermato Svoboda. "Prima di abbattere una barriera, dobbiamo chiederci perché è stata costruita." Il quadro del copyright deve essere regolato, ma bisogna intervenire solo se necessario. "L'industria cinematografica è un ecosistema sensibile. È fondamentale trovare i metodi per ottenere la portabilità nel settore audiovisivo senza danneggiare la territorialità. Geobloccare è un modo per mantenere la territorialità".

Come ex atleta professionista, Bogdan Wenta, membro della Commissione CULT del Parlamento Europeo, guarda alla proposta dell'Unione Europea dal punto di vista di un giocatore della squadra. Al fine di aumentare la circolazione dei film europei nell'UE, ha suggerito di rafforzare il sostegno alla distribuzione, in quanto "il 70% dei finanziamenti favorisce la produzione, ma solo il 10% va alla distribuzione e alla promozione".

Per Peter Ostrouchov, esperto di diritto d'autore, sarebbe dannoso per l'UE smantellare le frontiere. "È in contrasto con il principio fondamentale dell'Unione Europea, se la libera circolazione dei servizi diventa obbligatoria." A questo punto, il copyright non pregiudica il diritto contrattuale. "È preferibile limitare la libertà contrattuale."

Il cinema è un business rischioso, ha aggiunto Julie-Jeanne Régnault, membro del consiglio degli EFADs. "Se tutte le possibilità per gli investitori privati vengono tagliate, il finanziamento e la distribuzione dei film saranno danneggiati."

"La portabilità non è un problema", ha dichiarato Christine Eloy, direttrice generale di Europa Distribution, che ha riferito che i distributori belgi non volevano La Grande Bellezza [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Paolo Sorrentino
festival scope
scheda film
]
, quando era già uscito in VoD in Francia. "L'accesso transfrontaliero è il problema", ha detto. Per quanto riguarda la distribuzione dei film, il mercato unico sarà un disastro, perché il piccolo distributore scomparirà. "Il sistema audiovisivo non è lineare; Non si può semplificare ", ha paventato la Eloy. L'approccio paneuropeo non funziona per il cinema indipendente. "L'UE è composta da molte regioni differenti," ha riassunto Doris Pack, ex presidente della commissione per la cultura e l'istruzione, del Parlamento europeo. "Se questa struttura è destinata a scomparire, influenzerà la nostra cultura."

(Tradotto dall'inglese)

Astra
EPI Distribution
LIM
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss