Quello che so di lei (2017)
Bigfoot Junior (2017)
The Party (2017)
Western (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Out (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

LOCARNO 2015 Concorso

email print share on facebook share on twitter share on google+

Brother Dejan: Umano… troppo umano

di 

- LOCARNO 2015: Il lungometraggio di Bakur Bakuradze, in concorso a Locarno, vuole essere un’”altro” sguardo su un criminale della guerra nei Balcani

Brother Dejan: Umano… troppo umano
Marko Nikolic in Brother Dejan

Senza scomodare Nietzsche, Brother Dejan [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, lungometraggio in concorso al 68° Festival del Film di Locarno, vuole essere un’”altro” sguardo su un criminale della guerra nei Balcani. Dejan Stanic, un ex generale serbo, vive in latitanza da anni per scappare ad un mandato d’arresto del Tribunale penale internazionale, il film di Bakur Bakuradze racconta gli ultimi mesi di fuga che precedono l’arresto.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Come spiega il regista in conferenza stampa: “desideravo trattare il tema del destino, i riflessi di vita di una personalità pubblica, come è stato l’ex-generale, che si trova a muovere gli ultimi passi sul grande palcoscenico del mondo”.

Il personaggio di Dejan Stanic (Marko Nikolic) si ritrova confinato nella casa di Slavko, un anziano che vive in modo spartano in un isolato villaggio di montagna, le sue apatiche giornate vengono saltuariamente interrotte da spostamenti necessari per evitare la sua cattura e per incontrare sodali dai tempi della guerra. 

Nella pellicola non c’è alcun riferimento esplicito ai crimini di cui il protagonista si è macchiato, e di cui Bakuradze, per ragioni artistiche, non desidera fare menzione: “non ho voluto inserire elementi nel film che potessero insinuare un giudizio sulla persona e sul suo passato, il mio obiettivo era di mostrare l’uomo e il modo in cui affronta il proprio destino”.

La pellicola scorre lenta e apatica fino alla scontata cattura. Lasciano perplessi, nelle scene finali, i rimandi alla pace interiore raggiunta dell’ex-generale, frutto, secondo il regista, del superamento di un senso di colpa logorante… purtroppo nel film questa macerazione interiore proprio non traspare.

Leggi anche

Film Business Course
WBImages Locarno
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss