Una vita (2016)
Out (2017)
Bigfoot Junior (2017)
The Party (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Glory (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

SAN SEBASTIAN 2015 Premi

email print share on facebook share on twitter share on google+

Goleada europea nel palmarès di San Sebastian

di 

- SAN SEBASTIAN 2015: Conchiglia d’Oro a Sparrows di Rúnar Rúnarsson, Joachim Lafosse miglior regista per Les Chevaliers blancs e premio speciale della giuria a Lucile Hadzihalilovic per Evolution

Goleada europea nel palmarès di San Sebastian
La squadra di Sparrows, mentre riceve la Conchiglia d'Oro

La 63ª edizione del Festival Internazionale del Cinema di San Sebastian si è conclusa sabato scorso, 26 settembre, con la consegna delle Conchiglie, i trofei della manifestazione basca. Sparrows [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Rúnar Rúnarsson
scheda film
]
, il secco passaggio dall’adolescenza all’età adulta ritratto dall’islandese Rúnar Rúnarsson (una produzione del suo paese con Croazia e Danimarca) si è aggiudicato, con sorpresa di molti ma non ingiustamente, il premio più ambito del festival: la Conchiglia d’Oro al miglior film della sezione ufficiale in concorso. "E’ incredibile che cosa puoi ottenere quando riunisci una squadra così talentuosa", ha affermato il cineasta alla stampa, "ma questo film non sarebbe stato possibile senza i finanziamenti di altri paesi". La Conchiglia d’Argento al miglior regista è andata meritatamente nelle mani di Joachim Lafosse, che dimostra di possedere una grande energia narrativa in Les Chevaliers blancs [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Joachim Lafosse
scheda film
]
, produzione franco-belga basata sullo scandalo dell’Arche de Zoé. Il premio speciale della giuria e alla miglior fotografia (di Manu Dacosse) sono andati all’audace Evolution [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Lucile Hadzihalilovic, uno dei film – coproduzione franco-belga-spagnola girata sull’isola canaria di Lanzarote – più applauditi e allo stesso tempo fischiati dalla stampa accreditata. "Non è piaciuto a tutti, era inevitabile", ha commentato la regista, "però ha avuto almeno la maggioranza a suo favore nella giuria".

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

I trofei per titoli a partecipazione europea non finiscono qui: la miglior sceneggiatura è, secondo la giuria presieduta dall’attrice danese Paprika Steen, quella di 21 nuits avec Pattie [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, scritta dai registi di questa commedia necrofila, i fratelli Arnaud e Jean-Marie Larrieu."E’ stato difficile metter su questa sceneggiatura in Francia", hanno dichiarato dopo aver ricevuto il premio, "è incredibile vincere un premio con un’idea rocambolesca come questa". La Conchiglia d’Argento alla miglior attrice è andata alla cubana Yordanka Ariosa per la lacerante interpretazione della protagonista femminile di El rey de La Habana [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, coproduzione tra Spagna e Repubblica Dominicana diretta da Agustí Villaronga; e i migliori attori, come previsto, sono Javier Cámara e Ricardo Darín, amici ritrovati nello spagnolo Truman [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
film focus
intervista: Cesc Gay
scheda film
]
, film agrodolce di Cesc Gay (leggi l’intervista).

Altri premi consegnati sabato sono l'Irizar al cinema basco per Amama [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Asier Altuna
scheda film
]
, emozionante omaggio di Asier Altuna a un modo di vivere che presto scomparirà (leggi l’intervista al regista), con menzione speciale all’attrice Irene Escolar per il suo lavoro in Un otoño sin Berlín [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Lara Izagirre; El apóstata [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
(Spagna-Uruguay-Francia), diretto da Federico Veiroj, ha ricevuto una menzione speciale della giuria e il FIPRESCI; e Le nouveau [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Rudi Rosenberg
scheda film
]
(Francia) di Rudi Rosenberg ha vinto nella sezione Nuovi registi, "per il suo ritratto dell’amicizia", con una menzione speciale a Drifters [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(Svezia), di Peter Grönlund, e Vida sexual de las plantas (Cile), di Sebastián Brahm.

Paulina [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
(Argentina-Brasile-Francia) di Santiago Mitre ha messo a segno una tripletta: premio Horizontes Latinos, de la Juventud e Otra mirada (TVE): "Non dimenticherò mai questo festival", ha confessato emozionato il regista; Our Little Sister di Hirokazu Koreeda (Giappone) e Mountains May Depart [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(Cina, Giappone e Francia) di Jia Zhang-Ke, sono stati votati come il preferito e il miglior film europeo, rispettivamente, dal folto pubblico che ha affollato le sale di questa città che nel 2016 sarà Capitale europea della cultura.

I premi del 63° Festival di San Sebastian:

Conchiglia d’Oro: Sparrows [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Rúnar Rúnarsson
scheda film
]
, Rúnar Rúnarsson
Premio speciale della giuria: Evolution [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, Lucile Hadzihalilovic
Conchiglia d’Argento – Miglior regista: Joachim Lafosse, Les Chevaliers blancs [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Joachim Lafosse
scheda film
]

Conchiglia d’Argento – Miglior attrice: Yordanka Ariosa, El rey de La Habana [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]

Conchiglia d’Argento – Miglior attore: Javier Cámara e Ricardo Darín, Truman [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
film focus
intervista: Cesc Gay
scheda film
]

Premio della giuria alla Miglior Fotografia: Manu Dacosse, Evolution
Premio della giuria alla Miglior Sceneggiatura: Arnaud e Jean-Marie Larrieu, 21 nuits avec Pattie [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]

Menzione speciale della giuria: El apóstata [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, Federico Veiroj

Premio Nuovi registi: Le nouveau [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Rudi Rosenberg
scheda film
]
, Rudi Rosenberg
Menzione speciale: Drifters [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Peter Grönlund e Vida sexual de las plantas, Sebastián Brahm

(Tradotto dallo spagnolo)

DPC
WBImages Locarno
Swiss Locarno
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss