Valley of Shadows (2017)
On Body and Soul (2017)
The Line di Peter Bebjak
God's Own Country (2017)
Absence of Closeness (2017)
Handia (2017)
I Am Not a Witch (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FESTIVAL Macedonia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Il figlio di Saul trionfa al Manaki Brothers a Bitola

di 

- Tra gli altri vincitori del 36º International Cinematographers' Film Festival Manaki Brothers figurano Macbeth, La tierra y la sombra, Montanha e Sivas

Il figlio di Saul trionfa al Manaki Brothers a Bitola
Jaromír Sofr con il suo premio Golden Camera 300 alla carriera

Il figlio di Saul [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
Q&A: László Nemes
intervista: László Rajk
scheda film
]
del direttore della fotografia Mátyás Erdély, ha trionfato alla 36ª edizione del festival più antico del modno dedicato ai direttori della fotografia, l'International Cinematographers' Film Festival Manaki Brothers a Bitola, Macedonia (18-27 settembre), ottenendo il premio principale della competizione ufficiale, il Golden Camera 300.

Il Silver Camera 300 è andato a Adam Arkapaw per il suo lavoro in Macbeth [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
scheda film
]
di Justin Kurzel, mentre Mateo Guzmán ha ricevuto il Bronze Camera 300 per La tierra y la sombra [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di César Augusto Acevedo, presentato alla Settimana della Critica di Cannes e vincitore di quattro premi, tra cui la Caméra d’Or. La pellicola ha vinto anche il Premio Cooperazione Spagnola a San Sebastian la settimana scorsa.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Mentre Erdély ha nove lungometraggi al suo attivo ed è conosciuto per il suo lavoro con Kornél Mundruczó, e Arkapaw ha vinto due premi Primetime Emmy per le serie tv True Detective e Top of the Lake, ed è stato il direttore della fotografia di film come Animal Kingdom e Snowtown Murders, il colombiano Guzmán ha ricevuto il premio per il primo film in cui ha lavorato.

Altro debuttante, l’iraniano Morteza Gheidi ha ricevuto una Menzioen Speciale per il suo lavoro di camera in Nahid di Ida Panahandeh. La giuria ha anche sottolineato gli sforzi del direttore della fotografia nato a Sarajevo Vladan Radović in Anime nere [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Francesco Munzi
scheda film
]
di Francesco Munzi, e lo ha invitato a raggiungere gli altri vincitori sul palco durante la cerimonia di chiusura.

La giuria era presieduta da Ryszard Lenczewski, che ha vinto tre premi al festival negli anni precedenti, tutti per film di Pawel Pawlikowski: il Golden Camera 300 per Last Resort nel 2001, il Bronze Camera 300 per My Summer of Love [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Jean-Paul Rougier
intervista: Pawel Pawlikowski
intervista: Tanya Seghatchian
scheda film
]
nel 2005 e il Silver Camera 300 per Ida [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Pawel Pawlikowski
intervista: Pawel Pawlikowski
scheda film
]
l’anno scorso. Ora Lenczewski ha ricevuto il Premio alla carriera, così come il suo compagno di giuria, il montenegrino Božidar “Bota” Nikolić, direttore della fotografía dei clasici yugoslavi Who's That Singing There, The Marathon Family e Balkan Spy. La giuria era composta anche dallo sceneggiatore e attore turco Cemal Kesal, lo sceneggiatore, direttore e produttore macedone Mitko Panov e l’organizzatore di festival e produttore Hayet Benkara, di base a Toronto.

Nella sezione New European Cinema, dedicata alle opere prime e seconde di registi europei, il premio alla Miglior Fotografia è andato a Vasco Viana per il suo lavoro in Montanha [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: João Salaviza
scheda film
]
di João Salaviza. La pellicola è stata presentata alla Settimana della Critica della Mostra di Venezia.

Rams [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Grimur Hakonarson
scheda film
]
, diretto da Grímur Hákonarson e la cui fotografía era affidata a Sturla Brandth Grøvlen (anche lui presente nella selezione principale con Victoria [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Sebastian Schipper
scheda film
]
), ha ricevuto il premio al Miglior Film.

Nella sezione SEE Camera, di recente creazione, per film provenienti dal Sud-Est europeo, il Golden Manaki è andato a Sivas [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, diretto da Kaan Müjdeci e filmato da Armin Dierolf e Martin Solvang. Miloš Srdić è stato ricompensato in questa sezione con il premio al Miglior Direttore della Fotografia per la coproduzione tra Slovenia e Austria The Woods Are Still Green, diretta da Marko Naberšnik.

Oltre a Lenczewski e a Nikolić, il premio alla carriera Golden Camera 300 è stato consegnato a Jaromír Sofr, che collabora regolarmente con Jiří Menzel. Da un'altra parte, due grandi attori europei sono stati insigniti del Premio Speciale Golden Camera 300 per il loro contributo straordinario all’Arte Cinematografica Mondiale: Bruno Ganz e Aleksey Serebryakov

(Tradotto dall'inglese)

Warsaw
EPI Distribution
LIM
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss