On Body and Soul (2017)
Laissez bronzer les cadavres (2017)
Beauty and the Dogs (2017)
The Square (2017)
Handia (2017)
Valley of Shadows (2017)
Spoor (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

NAMUR 2015

email print share on facebook share on twitter share on google+

Samuel Collardey nuovamente incoronato al Festival di Namur

di 

- Ritorno al Festival del Film Francofono di Namur per il regista francese, vincitore del Bayard d’or del miglior film per Tempête

Samuel Collardey nuovamente incoronato al Festival di Namur
La squadra di Tempête con i suoi premi, affiancata da Vanessa Paradis e Olivier Gourmet

La 30esima edizione del Festival Internazionale del Film Francofono di Namur è terminata venerdì scorso con la premiazione di Tempête [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Samuel Collardey. Questo premio conferma il bel rapporto tra il festival e il regista, insignito del Bayard d’or per il miglior cortometraggio nel 2005 con Du soleil en hiver e di due premi (Premio speciale della giuria e Premio per la miglior opera prima) nel 2008 per il suo primo lungometraggio The Learner [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, un docufilm naturalista che raccontava la storia di un ragazzo durante il suo anno di apprendistato (in tutti i sensi del termine) in fattoria. Ancora una volta Samuel Collardey utilizza una tecnica particolare, che consiste nel far rivivere a degli attori non professionisti la loro vita. In Tempête ritroviamo Dominique Leborne, marinaio-pescatore alle Sables D’Olonnes, che dopo il divorzio deve assumersi le responsabilità di padre e considerare di smettere di viaggiare per lunghi periodi. Dominique Leborne, premiato per la sua interpretazione all’ultimo Festival di Venezia, ha ricevuto anche lui il Bayard d’or come miglior attore a Namur questo weekend.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Tra gli altri vincitori, sono degni di nota il Premio della giuria conferito al documentario belga Our City di Maria Tarantino, ode a Bruxelles vista attraverso gli occhi dei suoi abitanti, e la Menzione speciale attribuita dalla giuria a un altro film belga, Welcome Home di Philippe de Pierpont. Il regista francese Philippe Claudel ha ricevuto il Bayard d’or per la miglior sceneggiatura del film Childhood [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, mentre Aferim! [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Radu Jude
scheda film
]
di Radu Jude è stato premiato con il Bayard d’or per la miglior fotografia. Il Bayard d’or per la miglior attrice è stato conferito a Loubna Abidar per Much Loved [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Nabil Ayouch.

Il Bayard d’or per la miglior opera prima è stato attribuito al film tunisino As I Open My Eyes [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Leyla Bouzid
scheda film
]
di Leyla Bouzid da una giuria composta da giovani studenti, mentre The Wakhan Front [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Clément Cogitore ha ricevuto il Premio Scoperta. Da notare infine che alla vigilia della cerimonia ufficiale sono state celebrate anche due opere prime belghe: Keeper [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
intervista: Guillaume Senez ­
scheda film
]
di Guillaume Senez, vincitore del Premio della critica, e Je me tue à le dire [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Xavier Seron
scheda film
]
 di Xavier Seron, vincitore del Premio Cinevox.

(Tradotto dal francese)

WTW Documentaries
EPI Distribution
LIM
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss