Razzia (2017)
The Nothing Factory (2017)
Mademoiselle Paradis (2017)
A Ciambra (2017)
On Body and Soul (2017)
Thelma (2017)
The Nile Hilton Incident (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

LONDRA 2015

email print share on facebook share on twitter share on google+

Suffragette: potere alle donne

di 

- Un film importante e attuale per la regia di Sarah Gavron che rivela la brutalità dell'establishment del passato

Suffragette: potere alle donne
Carey Mulligan in Suffragette

Mentre noi viviamo agiatamente nel 2015 e guardiamo con sufficienza all'Arabia Saudita, che ha ottenuto il diritto al voto solo quest'anno, è facile dimenticare che il suffragio universale è stato concesso alle donne molto tardi nel cosiddetto mondo occidentale civilizzato, dove la Svizzera ha dovuto attendere fino al 1971 per averlo. Suffragette [+leggi anche:
trailer
making of
scheda film
]
, film del gala d'apertura del 59° BFI London Film Festival (7-18 ottobre), diretto da Sarah Gavron (Brick Lane [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
) e scritto da Abi Morgan (The Iron Lady [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
scheda film
]
), è incentrato sul movimento delle suffragette nel Regno Unito. Siamo nel 1913 circa e vediamo Maud Watts (Carey Mulligan) che lavora in condizioni quasi disumane in una lavanderia di East London. Fa la lavandaia fin dall'infanzia, come sua madre prima di lei, e lavora in un luogo dove la già bassa retribuzione è di un terzo inferiore a quella data agli uomini, per delle ore che sono un terzo più lunghe. È moglie e madre ed accetta che questa sia la vita a cui è destinata.

Un raggio di speranza si intravede quando viene involontariamente coinvolta nel movimento delle suffragette e si ritrova di fronte al Primo Ministro britannico a illustrare, esitante, la triste sorte di lei e delle sue colleghe. Dopo qualche iniziale riluttanza da parte sua, insieme ad una forte opposizione del marito Sonny (Ben Whishaw), la Watts partecipa anima e corpo alle lotte per i diritti suoi e di tutte le donne. La farmacista Edith Ellyn (Helena Bonham Carter) è la sua mentore e la Watts è anche tremendamente elettrizzata da un discorso motivazionale galvanizzante della leader del movimento Emmeline Pankhurst (Meryl Streep). Nonostante la retorica della Pankhurst, che comprende mantra come "Fatti non parole" e "Meglio ribelle che schiava" possa suonare come una serie di meri slogan alla generazione apatica di oggi, a quel tempo erano potenti inviti all'azione. Le direttive della Pankhurst sono sconvolgere la vita quotidiana finché il governo non provvede e i suoi soldati, incluse la Watts e la Ellyn, obbediscono e staccano le linee elettriche, fanno saltare in aria le caselle postali e rompono le vetrine dei negozi. Il viaggio della Watts le presenta dei costi personali non indifferenti ma la donna continua a militare strenuamente.

La Gavron e la Morgan hanno creato un film attuale e importante che rivela esattamente quanto brutale fosse l'establishment britannico verso le donne, con le scioperanti della fame nutrite a forza in carcere e il gentil sesso picchiato a sangue dalla polizia. Guardando al Regno Unito, il film serve anche da campanello d'allarme per i diritti delle donne di tutto il mondo ed è un duro monito che ricorda che in molte parti del globo il cinquanta per cento della popolazione sembra composta da cittadini di seconda classe. Suffragette sarà ricordato a lungo negli annali della storia del cinema britannico.

Suffragette è presentato da Pathé, Film4 e dal British Film Institute e prodotto da Ruby Films, in associazione con Ingenious Media, con la partecipazione di Canal+ e Ciné+. Pathé e Twentieth Century Fox hanno distribuito il film nel Regno Unito il 12 ottobre.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Jihlava
San Sebastián Full
Focal Production Value
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss