Ava (2017)
120 battements par minute (2017)
Happy End (2017)
Jupiter's Moon (2017)
The Square (2017)
Le Redoutable (2017)
A Ciambra (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

USCITE Portogallo

email print share on facebook share on twitter share on google+

A Uma Hora Incerta arriva nelle sale portoghesi

di 

- Il secondo lungometraggio dello sceneggiatore e regista 78enne Carlos Saboga è una storia di ossessione con sfumature politiche, ambientata a Lisbona durante la Seconda Guerra Mondiale

A Uma Hora Incerta arriva nelle sale portoghesi
L'attrice portoghese Joana Ribeiro nei panni della protagonista, Ilda

Carlos Saboga, l'uomo dietro le sceneggiature di molti film come Mysteries of Lisbon [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Raúl Ruiz, e Lines of Wellington [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Valeria Sarmiento
scheda film
]
di Ruiz e Valeria Sarmiento, presenta in anteprima il suo ritorno dietro la macchina da presa questa settimana: A Uma Hora Incerta (lett. "In Un Momento Imprecisato"). Il film, che evoca i ricordi d'infanzia dello sceneggiatore 78enne diventato regista, esce in 11 sale in tutto il Paese. Il cortometraggio O Coro dos Amantes di Tiago Guedes verrà inoltre proiettato in aggiunta al film.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ambientato a Lisbona negli anni '40, durante la dittatura di Salazar, A Uma Hora Incerta ha due trame parallele, una incentrata su Ilda (Joana Ribeiro), figlia adolescente di un ispettore di polizia (Paulo Pires), e l'altra su due profughi di guerra francesi ebrei (Judith Davis e Grégoire Leprince-Ringuet). Attratto dalla giovane donna francese, l'ispettore decide di nascondere entrambi gli stranieri in casa propria - un hotel vuoto dove vive con la figlia, la moglie malata (Ana Padrão) e la sua giovane cameriera (Filipa Areosa). 

La maggior parte degli eventi vengono visti e (erroneamente) interpretati attraverso gli occhi del personaggio della Ribeiro, una ragazza con nuances di Lolita che, ovviamente, non ha superato il suo complesso di Electra. Infatuata dal padre e gelosa della sua relazione con la giovane rifugiata, farà tutto ciò che è in suo potere per avere il padre solo per sé.

Il fantasma dell'incesto aleggia anche sopra i due rifugiati, un fratello e una sorella molto intimi, fisicamente. L'incontro tra tutti questi personaggi sarà pieno di segreti ed equivoci, costringendo a stare insieme i profughi in fuga dai nazisti e i dissidenti del regime di Salazar che devono anche fingere di essere persone che non sono. 

Sullo sfondo della guerra e della dittatura, la sceneggiatura utilizza il mistero e il potere della suggestione (piuttosto che chiarire effettivamente le cose) come gli elementi più interessanti della storia, ma il film non riesce a collocarsi perfettamente nel genere thriller a causa di una mise-en-scène molto approssimativa che, unita ad altri difetti, non è in grado di sfruttare appieno l'atmosfera claustrofobica. Infatti, quasi tutte le scene sono state filmate in interni, a parte le sequenze finali, ambientate nel giardino dell'hotel. Purtroppo, Saboga sembra non sapere come utilizzare un evidente budget ristretto a suo vantaggio. La ricostruzione del periodo storico è pallida, piena di elementi prevedibili come le immagini d'archivio e la ricreazione di programmi radiofonici d'epoca. 

Le interpretazioni sono generalmente buone, ma l'attore non protagonista Pedro Lima eccelle nei panni del poliziotto malvagio, che usa la sua influenza sulla cameriera per infiltrarsi nella famiglia e ricattare il proprietario della casa.

A Uma Hora Incerta è prodotto da Paulo Branco per Leopardo Filmes, e arriverà nelle sale portoghesi due settimane prima della sua anteprima internazionale al Vienna International Film Festival. Alfama Films si occupa delle vendite internazionali.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Producers on the Move
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Swiss Films Cannes