Nocturama (2016)
Paris La Blanche (2016)
Félicité (2017)
Waldstille (2016)
The Other Side of Hope (2017)
Noces (2016)
La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FESTIVAL Francia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Il cinema europeo brilla ad Arras

di 

- 120 lungometraggi, di cui 52 anteprime e 19 film inediti, per la 16esima edizione di un festival centrato sulle rivelazioni del Vecchio Continente

Il cinema europeo brilla ad Arras
The Fencer di Klaus Härö

Sempre in prima fila in materia di scoperta dei nuovi talenti europei, il Festival Internazionale del Film di Arras propone un menù di ottima qualità per una 16esima edizione (dal 6 al 15 novembre 2015) composta da 120 lungometraggi, di cui 52 anteprime e 19 film totalmente inediti in Francia.

Tra i 9 lungometraggi in concorso per l’Atlas d’Oro 2014 e che saranno proiettati per la prima volta in Francia, si distinguono tre film che rappresentano i rispettivi paesi nella corsa al prossimo Oscar per il miglior film straniero: The Fencer [+leggi anche:
trailer
intervista: Ivo Felt
scheda film
]
 del finlandese Klaus HäröHome Care [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Slávek Horák
scheda film
]
 del ceco Slavek Horak e 1944 [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dell’estone Elmo Nüganen. Sono in cartellone anche The Red Spider [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Marcin Koszalka
scheda film
]
 del polacco Marcin Koszalka (apprezzato in concorso a Karlovy Vary), Virgin Mountain [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
dell’islandese Dagur Kári (che aveva avuto la sua prima a Berlino e recente vincitore del Nordic Council Film Prize), Thirst [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Svetla Tsotsorkova
scheda film
]
 della bulgara Svetla Tsotsorkova (presentato a San Sebastian, nella sezione New Directors), Memories of the Wind [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del turco Ozcan AlperWhat's Between Us [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 della svizzera Claudia LorenzThe Culpable [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 del tedesco Gerd Schneider.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Altri tre candidati all’Oscar 2016 figurano nel menù della sezione “Visioni dell’Est”: The Tree [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 della slovena Sonja ProsencSole alto [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Dalibor Matanic
scheda film
]
 del croato Dalibor Matanic (premiato a Cannes) e Koza [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Ivan Ostrochovský
scheda film
]
dello slovacco Ivan Ostrochovsky. Si aggiungono la rivelazione veneziana Figlio di nessuno [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del serbo Vuk Rsumovic, due altri lungometraggi sloveni (Silent Sonata [+leggi anche:
trailer
intervista: Maruša Majer
scheda film
]
 di Janez Burger e The Beat of Love di Boris Petkovic) e tre film rumeni: The Treasure [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Corneliu Porumboiu
intervista: Corneliu Porumboiu
scheda film
]
di Corneliu Porumboiu (anch’egli premiato a Cannes), Why Me? [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Tudor Giurgiu
scheda film
]
 di Tudor Giurgiu (passato per il Panorama Speciale della Berlinale) e The Magic Mountain [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 di Anca Damian (presentato a Karlovy Vary). 

Nel programma “Scoperte europee” splendono 12 lungometraggi tra cui il pluripremiato Rams [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Grimur Hakonarson
scheda film
]
dell’islandese Grimur HakonarsonA Perfect Day [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Fernando León de Aranoa
scheda film
]
 dello spagnolo Fernando Leon de AranoaLucia de B. [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 della olandese Paula van der Oest (che faceva parte l’anno scorso dei nove titoli candidati all’Oscar 2015 per il miglior film straniero), l’apprezzato My Skinny Sister [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Sanna Lenken
scheda film
]
 della svedese Sanna LenkenYou're Ugly Too [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Mark Noonan
scheda film
]
 dell’irlandese Mark NoonanA Second Chance [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 della danese Susanne BierA Uma Hora Incerta [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del portoghese Carlos SabogaDough [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 del britannico John GoldschmidtThe Lies of the Victors [+leggi anche:
trailer
intervista: Christoph Hochhäusler
scheda film
]
del tedesco Christoph Hochhäusler e tre film francesi: This Summer Feeling [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Mikhaël Hers
scheda film
]
di Mikhaël HersLand Legs [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Samuel Collardey (premiato a Venezia, nella sezione Orizzonti, per l’attore protagonista) e The New Kid [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Rudi Rosenberg
scheda film
]
di Rudi Rosenberg (vincitore della sezione New Directors a San Sebastian).

Completato da 26 anteprime (vedi in dettaglio qui), il menù del Festival di Arras include anche omaggi all’attrice francese Michèle Mercier e al celebre regista Jim Sheridan, al quale il paese renderà omaggio con un programma di 16 film battezzato “Irlanda, da un conflitto all’altro”.

Da notare infine che, tra altri eventi professionali, nel corso della 4a edizione degli Arras Days una giuria attribuirà delle Borse di sostegno allo sviluppo di progetti di lungometraggi di finzione avviati da registi e produttori di film europei selezionati ad Arras in concorso o nelle sezioni Visioni dell’Est e Scoperte. 

(Tradotto dal francese)

Bridging the Dragon
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

CASI HECHO Home