Makala (2017)
The Square (2017)
120 battements par minute (2017)
You Were Never Really Here (2017)
In the Fade (2017)
The Killing of a Sacred Deer (2017)
Jeune femme (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FESTIVAL Italia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Davies, Winding Refn e tanti europei al Torino FF 2015

di 

- La 33a edizione del festival torinese, diretta da Emanuela Martini e con guest director Julien Temple, si aprirà il 20 novembre con Suffragette. Novità di quest’anno, la Notte horror

Davies, Winding Refn e tanti europei al Torino FF 2015
Lo scambio di Salvo Cuccia

“Una novità è la Notte horror. Per il resto, il festival segue la sua linea di sempre: l’attenzione a registi esordienti e al cinema indipendente”. Emanuela Martini ha introdotto così, oggi a Roma, la 33ma edizione del Torino Film Festival (20-28 novembre 2015), dal cui manifesto campeggia un giovane Orson Welles. 158 lungometraggi, di cui 47 opere prime e seconde, 50 anteprime mondiali, 20 internazionali e 8 europee, sono i numeri di questa edizione, la seconda diretta da Martini, che come filo conduttore vede “storie di formazione, autobiografiche, la ricerca di radici, la famiglia”. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Dei 15 film della competizione principale (Torino 33), quattro sono italiani: Colpa di comunismo [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
di Elisabetta Sgarbi, Mia madre fa l’attrice [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Mario Balsamo (premio della giuria tre anni fa a Torino per Noi non siamo come James Bond [+leggi anche:
trailer
festival scope
scheda film
]
), Lo scambio [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Salvo Cuccia e l’opera prima I racconti dell’orso [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Samuele Sestieri e Olmo Amato. Altri film in concorso vengono dalla Francia (il noir rurale Coup de chaud [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Raphaël Jacoulot), la Danimarca (il thriller The Idealist [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Christina Rosendahl), il Portogallo (la commedia “spettinata e surreale” John From [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di João Nicolau), e poi ancora il titolo belgo-svizzero-francese Keeper [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
intervista: Guillaume Senez ­
scheda film
]
di Guillaume Senez, The Waiting Room [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Igor Drljaca (Canada/Bosnia/Croazia) e le coproduzioni francesi Les Loups [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Sophie Deraspe e Paulina [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Santiago Mitre.

Tra i titoli di Festa mobile, che raccoglie opere fuori concorso e inedite in Italia, spiccano Suffragette [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
scheda film
]
di Sarah Gavron (titolo d’apertura - leggi la news), Sunset Song [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Terence Davies
scheda film
]
di Terence Davies (secondo la direttrice “uno dei poeti del cinema europeo”, a lui va il Gran Premio Torino 2015), La felicità è un sistema complesso [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Gianni Zanasi
intervista: Valerio Mastandrea
scheda film
]
di Gianni Zanasi, la trilogia di Miguel Gomes Arabian Nights [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Miguel Gomes
scheda film
]
, Treasure [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Corneliu Porumboiu
intervista: Corneliu Porumboiu
scheda film
]
di Corneliu Porumboiu (selezionato a Cannes), e poi diversi titoli britannici tra cui High-Rise [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Ben Wheatley, con Jeremy Irons e Sienna Miller, la commedia eccentrica The Lady in the Van [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Nicholas Hytner, il musical/film d’inchiesta/thriller London Road [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Rufus Norris, il campione d’incassi in Irlanda e Regno Unito Brooklyn [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di John Crowley, oltre al nuovo “film partecipato” dell’italiana Antonietta De Lillo, Oggi insieme domani anche [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, sulla vita sentimentale di coppie, singoli, comunità.

Novità di quest’anno è la Notte horror, fissata per sabato 21 novembre: una maratona cinematografica dalle 10 di sera alle 6 del mattino in cui saranno proiettati The Girl in the Photographs (ultimo film prodotto da Wes Craven), The Devil’s Candy di Sean Byrne, The Hallow di Corin Hardy e February diretto da Osgood Perkins, figlio di Anthony (Psycho). Numerosi gli altri titoli in Afterhours, la sezione dedicata all’horror e non solo. Spazio poi ai film supportati dal TorinoFilmLab, che nel 2015 può vantare ben 15 titoli realizzati, di cui otto saranno riproposti al festival: tra questi, Eva Nová [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Marko Škop
scheda film
]
di Marko Skop, Mountain [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Yaelle Kayam
scheda film
]
di Yaelle Kayam e Underground Fragrance [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Pengfei
scheda film
]
di Pengfei

Tra gli ospiti di questa edizione (che conta 2,4 milioni di euro di budget), l’acclamato regista danese Nicolas Winding Refn, che accompagnerà la proiezione di uno dei suoi film preferiti, Terrore nello spazio di Mario Bava. Ricordiamo infine le sezioni riservate ai Doc, ai Corti, ai titoli più sperimentali (Onde), l’omaggio a Orson Welles, la retrospettiva a tema fantascienza, il Premio Cipputi alla carriera a Francesca Comencini, e il guest director di quest'anno Julien Temple (leggi la news). 

Per il programma completo del 33° Torino Film Festival clicca qui

Producers on the Move
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Filmitalia Cannes 2017