Glory (2016)
The Party (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
Out (2017)
L'altro volto della speranza (2017)
Quello che so di lei (2017)
Una vita (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

PRODUZIONE Francia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Kazak persiste e firma Compte tes blessures

di 

- L’audace giovane società di produzione parigina termina le riprese del primo lungometraggio di Morgan Simon con Kevin Azaïs protagonista

Kazak persiste e firma Compte tes blessures
Kevin Azaïs in Compte tes blessures (© Pierre Planchenault/Kazak Productions)

Dopo Ni le ciel, ni la terre [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Clément Cogitore (rivelatosi quest’anno alla Semaine de la critique di Cannes e recentemente vincitore del premio Louis-Delluc per la miglior opera prima), Tristesse Club [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Vincent Mariette (premiato al Lumière 2015 per la miglior opera prima), Mercuriales [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Virgil Vernier (presentato sulla Croisette nel 2014, nella sezione dell’ACID) e Jimmy Rivière [+leggi anche:
trailer
intervista: Teddy Lussi-Modeste
scheda film
]
di Teddy Lussi-Modeste (che è valso a Guillaume Gouix le candidature al César e al Lumière 2012 per la migliore promessa), la giovane società parigina Kazak Productions continua a percorrere la sua audace strada con un quinto lungometraggio: Compte tes blessures [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Morgan Simon
scheda film
]
di Morgan Simon.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Entrato nell’ultima fase delle riprese che termineranno il 12 dicembre a Bordeaux, il regista, passato dal dipartimento sceneggiatura di La Fémis prima di realizzare cortometraggi celebri come American Football (premiato a Angers nel 2013) e Essaie de mourir jeune (in concorso a Clermont-Ferrand l’anno scorso), ha riunito nel cast l’astro nascente Kevin Azaïs (César e Lumière per la migliore promessa quest’anno per The Fighters - Addestramento di vita [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Thomas Cailley
scheda film
]
), il franco-gallese Nathan Willcocks (viso molto familiare nei cortometraggi di Morgan Simon) e la canadese Monia Chokri (particolarmente apprezzata in Les amours imaginaires, Laurence Anyways [+leggi anche:
recensione
trailer
festival scope
scheda film
]
e Je suis à toi [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
intervista: David Lambert
scheda film
]
).

Scritta da Morgan Simon stesso, la trama è incentrata su Vincent, che non è ancora arrivato a un terzo della sua vita ma si è già tatuato metà del corpo e inasprito la sua voce con un gruppo post-hardcore. Dalla morte di sua madre, si divide tra un lavoro di operaio che non lo entusiasma e un padre pescivendolo che tenta di ricostruirsi la vita con una ragazza più giovane. E questo lo fa star male…

Prodotto da Amaury Ovise e Jean-Christophe Reymond per Kazak Productions, Compte tes blessures è stato preacquistato da Canal+ e beneficia del sostegno dell’anticipo sugli incassi del CNC, della Regione Aquitania e della Sofica La Banque Postale Image 9. Ricordiamo che il progetto, vincitore di un premio speciale al Premio Junior per la migliore sceneggiatura, è stato anche selezionato all’Atelier de la Cinéfondation del Festival di Cannes 2015 e a Emergence nel 2014. Iniziate il 28 ottobre, le riprese si sono svolte a Parigi e a Bordeaux. La distribuzione per la Francia sarà garantita da Rezo Films e le vendite internazionali saranno guidate da Versatile.

Da notare che Kazak Productions sarà presente dal 12 al 15 dicembre al Villaggio delle Coproduzioni del 7° Festival del Cinema Europeo di Les Arcs con il progetto Un vrai bâtard di TeddyLussi-Modeste (che ha scritto la sceneggiatura con Rebecca Zlotowski).

(Tradotto dal francese)

Emilia Romagna_site IT
Odessa site
Film Business Course
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss