Makala (2017)
The Square (2017)
120 battements par minute (2017)
You Were Never Really Here (2017)
In the Fade (2017)
The Killing of a Sacred Deer (2017)
Jeune femme (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

EVENTI Germania/Francia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Tempi buoni per le serie televisive, incertezza per il cinema indipendente

di 

- Al 13° Incontro franco-tedesco del cinema, a Marsiglia, i professionisti del settore dibattono sulle politiche cinematografiche europee e le prospettive di produzione

Tempi buoni per le serie televisive, incertezza per il cinema indipendente
da sinistra a destra: Séréna Zouaghi, assessore marsigliese al Cinema e media audiovisivi; Alfred Hürmer, presidente dell’Incontro franco-tedesco del cinema; e Olivier-René Veillon, co-fondatore di Ecoprod

Il mercato unico digitale, le nuove fonti e piattaforme di finanziamento e la produzione sostenibile sono stati i temi al centro dell’ultimo Incontro franco-tedesco del cinema, tenutosi a Marsiglia. German Films e Unifrance hanno accolto più di 200 partecipanti nella città del sud della Francia. Nel complesso, l’impressione è che la comunità cinematografica tema le conseguenze delle decisioni che possono essere prese a Bruxelles. Come Alfred Hürmer, presidente dell’Incontro, ha affermato nel suo discorso di apertura, l’introduzione del mercato unico digitale può mettere in pericolo la legge europea del diritto d’autore, il principio di territorialità e le società di gestione collettiva. "Dobbiamo preservare il principio di territorialità. Se lo accantoniamo, distruggeremo la base sulla quale si fondano le coproduzioni internazionali", ha sottolineato Marie Masmonteil, produttrice di film come Party Girl [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Marie Amachoukeli, Claire …
scheda film
]
.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Un altro tema caldo sono stati gli aiuti alla distribuzione automatica previsti a livello europeo. La Commissione europea prevede di aumentare gli aiuti Europa Creativa ai distributori dei paesi piccoli, mentre i paesi più grandi (in termini cinematografici), come Francia, Germania, Regno Unito e Italia, avranno meno finanziamenti. "Un distributore tedesco che lancia un film francese nelle sale avrà 25 centesimi invece di 40 centesimi. Questo è esattamente il contrario di ciò che dovrebbe accadere", ha detto Johannes Klingsporn, direttore amministrativo dell’Associazione dei distributori tedeschi.

"La Germania è un mercato molto importante per i film francesi", ha sottolineato Frédérique Bredin, presidente del CNC, istituzione che ha lavorato insieme a quattro fondi regionali in Germania per lanciare un nuovo programma di aiuti allo sviluppo di serie televisive di finzione. Nel frattempo, il Ministero Federale dell’Economia della Germania ha dato il via libera all'assegnazione di 10 milioni di euro per la coproduzione di serie internazionali, come dichiarato da Christine Berg, vicepresidente del FFA. Berg ha anche annunciato a Marsiglia che gli aiuti alla scrittura di sceneggiature saranno incrementati mediante la nuova legge tedesca sul cinema, di cui si è discusso alla tavola rotonda con Monika Grütters, commissario alla Cultura e media del governo federale.

Lo sceneggiatore francese Dan Franck, che ha lavorato alla serie Marseille, ha fatto dichiarazioni rivelatrici sulla collaborazione con Netflix. "Si stanno prendendo decisioni molto rapide, ma i budget rimangono più o meno gli stessi", ha detto Franck. Tuttavia, molti produttori di talento sono attratti da questo nuovo mondo. "Credo che il produttore abbia ancora un ruolo da svolgere, ma la domanda è: chi ha il potere?", si è chiesto il produttore britannico Alex Boden.

Eppure, i modelli di distribuzione proposti da attori globali come Amazon e Netflix non sono molto attraenti per le produzioni indipendenti europee. "Il lancio in VoD ha un carattere simbolico per noi, poiché ci guadagniamo il 90% in meno rispetto all'uscita in DVD", ha detto Torsten Frehse, amministratore delegato della società di distribuzione con sede Berlino Neue Visionen. "Non credo che il VoD sia un'alternativa, in quanto è difficile negoziare con le piattaforme nordamericane".

Durante l’Incontro franco-tedesco del cinema, la sua commissione di finanziamento ha stabilito di accordare 849 mila euro a quattro coproduzioni franco-tedesche. I progetti che saranno supportati dal mini-trattato includono Rückkehr nach Montauk di Volker Schlöndorff, High Life di Claire Denis, Die Sanfte di Sergei Loznitsa e Diamond Island di Davy Chou. E per la prima volta, diversi produttori emergenti riceveranno un sostegno allo sviluppo per i loro progetti: a tal proposito, il mini-trattato contribuirà allo sviluppo di quattro progetti per una somma totale di 180 mila euro.

(Tradotto dall'inglese)

Producers on the Move
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Filmitalia Cannes 2017