Quello che so di lei (2017)
Bigfoot Junior (2017)
The Party (2017)
Western (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Out (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

PERSONAGGI Italia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Addio a Gabriele Ferzetti

di 

- Si è spento ieri all’età di 90 anni il grande attore di cinema e teatro italiano. Tra gli innumerevoli registi che lo hanno diretto, Antonioni, Petri, Soldati, Steno, Leone, Pietrangeli

Addio a Gabriele Ferzetti
Gabriele Ferzetti in L'Avventura

Il mondo del cinema e del teatro italiano saluta Gabriele Ferzetti, ammirato interprete, affascinante e sobrio, di oltre cento film dagli anni ’40 ad oggi, spentosi ieri all’età di 90 anni.

Nato a Roma il 17 marzo 1925, Ferzetti frequenta l'Accademia d'arte drammatica Silvio d'Amico e approda al cinema ad appena 17 anni, nel 1942, ne La contessa di Castiglione di Flavio Calzavara. La prima grande affermazione sul grande schermo arriva nel 1953 con La provinciale di Mario Soldati (Nastro d’argento per il miglior attore non protagonista), al fianco di Gina Lollobrigida, e poi con Le avventure di Giacomo Casanova diretto da Steno. Due anni dopo, l’importante incontro con Michelangelo Antonioni che lo dirigerà in Le amiche e L’avventura.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ferzetti presta il volto a personaggi sottilmente ambigui, problematici, che esprimono l’incertezza dell’uomo contemporaneo. Antonio Pietrangeli lo dirige in Nata di marzo, Florestano Vancini in uno dei suoi ruoli più belli, in La lunga notte del '43. Tra gli anni ‘60 e ’70 lavora con i più grandi registi dell'epoca, in film come A ciascuno il suo di Elio Petri (che gli vale un altro Nastro d’argento), Grazie zia di Salvatore Samperi, C'era una volta il West di Sergio Leone e Il portiere di notte di Liliana Cavani, ma anche in Agente 007 - Al servizio segreto di Sua Maestà diretto da Peter Hunt, dove interpreta un boss della malavita corsa.

La sua inarrestabile carriera prosegue nei decenni successivi diretto, fra i tanti altri, da Francesco Laudadio (Grog), Oliver Parker (Othello), Renzo Martinelli (Porzûs), Pasquale Squitieri (L’avvocato De Gregorio), e in tv con registi come Alberto Lattuada, Giorgio Albertazzi e Dino Risi. Le sue ultime interpretazioni al cinema sono state in Io sono l’amore [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Luca Guadagnino - regista
scheda film
]
di Luca Guadagnino, nel 2009, e l’anno successivo in Diciotto anni dopo [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Edoardo Leo.

Film Business Course
WBImages Locarno
Emilia Romagna_site IT
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss