On the Other Side (2016)
Belle Dormant (2016)
Miséricorde (2016)
La comune (2016)
Grave (2016)
Lady Macbeth (2016)
Dopo l'amore (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

TBILISI 2015

email print share on facebook share on twitter share on google+

Motherland trionfa a Tbilisi

di 

- Il film della turca Senem Tüzen si è aggiudicato il Prometeo d’Oro, mentre Zaza Khalvashi ha vinto la competizione georgiana con Solomon

Motherland trionfa a Tbilisi
Motherland di Senem Tüzen

La 16ª edizione del Festival Internazionale del Cinema di Tbilisi, che si è aperta il 30 novembre con un nutrito programma, si è conclusa ieri sera con una cerimonia che ha incoronato Motherland [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
con il Prometeo d’Oro al Miglior Film. 

La giuria, presieduta dalla cineasta britannica Martha Fiennes e composta dalla regista georgiana Salome Alexi, la direttrice artistica del Festival di Haifa Pnina Blayer, l’ex direttore dei festival di San Francisco, Tribeca e Abu Dhabi e della Cinémathèque Française Peter Scarlet e il consulente per il programma del Festival di Odessa Alik Shpilyuk, ha deciso di assegnare il premio al film turco diretto da Senem Tüzen e presentato alla Settimana della Critica dell’ultima Mostra di Venezia. Il film segue una donna borghese e metropolitana che torna al paese della sua defunta nonna per riprendersi da un divorzio e cercare di realizzare il suo sogno di scrittrice, confrontandosi con sua madre, conservatrice e disturbata, che si presenta inaspettata e rifiuta di andarsene. La giuria ha inoltre deciso di premiare con il Prometeo d’Argento del miglior regista Jonas Carpignano per il suo lavoro nell’acclamato Mediterranea [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Jonas Carpignano
scheda film
]
, nominato di recente al Premio LUX. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)EFM 2017 468x60

Quanto al Georgian Panorama – la competizione dedicata alle pellicole nazionali – la giuria formata dallo storico del cinema e critico Ulrich Gregor, l’organizzatrice e programmatrice di festival Erika Gregor e il giornalista di cinema Hossein Eidizadeh, ha assegnato il Prometeo del Miglior Film a Solomon di Zaza Khalvashi, la storia di un musicista poco conosciuto e molto talentuoso che tenta di affermare la sua arte nella città rurale della costa del Mar Nero, nella Georgia post-sovietica. Il Prometeo del Miglior Documentario è andato invece a When The Earth Seems To Be Light… di Salome Machaidze, Tamuna Karumidze e David Meskhi, un documentario poetico sulla gioventù moderna, che narra una storia di ragazzini, skater, artisti e musicisti, sempre nella Georgia post-sovietica. Infine, il Prometeo del Miglior Cortometraggio è andato a Wake Man di Tornike Bziava.

La cerimonia ha anche celebrato il contributo al cinema mondiale di due personalità: il regista armeno Harutyun Khachatryan (The Wind of Emptiness, Return to the Promised Land, Documentarist) e la cineasta e politica georgiana Lana Ghoghoberidze (Day Is Longer Than Night) che hanno ricevuto un Prometeo d’Onore ciascuno. 

(Tradotto dall'inglese)

courgette oscar shortlist
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

suspi_2016_web300x250