Nocturama (2016)
Paris La Blanche (2016)
Félicité (2017)
Waldstille (2016)
The Other Side of Hope (2017)
Noces (2016)
La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

EUROPEAN FILM AWARDS 2015

email print share on facebook share on twitter share on google+

La Giovinezza degli European Film Awards

di 

- La 28a cerimonia degli European Film Awards, tenutasi sabato scorso a Berlino, ha mostrato l’energia della nostra industria e degli organismi che la promuovono

La Giovinezza degli European Film Awards
Michael Caine e Paolo Sorrentino, i grandi vincitori, alla cerimonia dei European Film Awards

Un’Europa coerente non può essere rappresentata che dalla sua diversità, una caratteristica che normalmente genera incoerenza. Buona fortuna, quindi, è l’augurio che ogni anno ci sentiamo di rivolgere all'Accademia del Cinema Europeo che eredita una responsabilità tanto importante quanto difficile da concretizzare in un solo evento. Gli European Film Awards devono al contempo restare una celebrazione dell’anno cinematografico europeo, rivendicare la propria identità in un’industria dominata dai format imposti da Hollywood, ma anche dare prova di modernità, per convincere coloro che avevano relegato l’evento in un armadio che l’odore di naftalina è definitivamente scomparso. Soffia persino un vento di freschezza su questa grande celebrazione, ormai degna di questo nome. Quest’anno, sicuramente più dell’anno scorso, i canali tv europei hanno mancato un evento mediatico di primissimo piano organizzato con una produzione di valore tipicamente europea. La 28a cerimonia degli European Film Awards ha vibrato dei suoi numerosi colpi di scena, di un’emozione unitaria e di uno stile proprio ormai consolidato. Mondano, politico, artistico, abbiamo assistito a un grande spettacolo di due ore e mezza che ha lasciato solo qualche spiraglio all’imperfezione e alle critiche legate all’invecchiamento dell’organizzazione diretta da Agnieszka Holland e Wim Wenders, sempre più in buona compagnia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Un anno dopo la consacrazione di Ida [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Pawel Pawlikowski
intervista: Pawel Pawlikowski
scheda film
]
, che è andato bene sia nelle sale che nei festival nonostante potesse avere per il grande pubblico una facciata austera, è il lirismo fiammeggiante di Youth - La giovinezza [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Paolo Sorrentino
scheda film
]
a ornare lo stendardo del miglior film europeo 2015. Bisogna vedervi una reazione quasi metaforica dei votanti a favore di uno stereotipo che è necessario quantomeno costruire per permettere al cinema europeo di essere strategicamente identificato e promosso nella grande competizione mondiale? Forse inconsciamente, perché concretamente, hanno giocato le circostanze. Il figlio di Saul [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
Q&A: László Nemes
intervista: László Rajk
scheda film
]
, grande assente della serata, non è stato sottoposto ai membri dell’Accademia per un problema che definiremo "tecnico", e senza offesa al genio di László Nemes, forse è meglio così. L’opera è di difficile accesso per un pubblico non preparato, e non mancheremo di sottolineare il paradosso del Premio del Pubblico che è stato assegnato nel corso della serata a La isla mínima [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Alberto Rodríguez
scheda film
]
, grande film ma piccola distribuzione, anche europea. Che gioia vedere comunque la Spagna tra i vincitori. Altri assenti continuano a mancarci.

L’età, il ringiovanimento o l’invecchiamento, variazioni su uno stesso tema che era al centro della serata a più livelli. Due dei tre EFA onirifici sono andati infatti ad attori veterani che se ne sono tornati a casa anche con la statuetta, rispettivamente, della miglior attrice 2015 per Charlotte Rampling (45 anni [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
Q&A: Andrew Haigh
scheda film
]
, il titolo del film) e del miglior attore 2015 per Michael Caine (Youth) che, come ha lui stesso ammesso, non aveva mai ottenuto un premio in Europa. Una possibile giustificazione per questa scelta, anche se le statuette avrebbero pesato di più nelle carriere di uno dei nominati, e delle nominate, che invece sono rimasti a mani vuote.

Sir Michael Caine, giustamente, un monumento della drammaturgia britannica che ha ampiamente contribuito all’industria hollywoodiana e che ha ben "venduto" sulla scena berlinese questa coproduzione tra Francia, Regno Unito, Svizzera e Italia, madre patria di Paolo Sorrentino, regista premio Oscar che sta ora lavorando a braccetto con la televisione americana… Tutto molto coerente con il posto che il Vecchio continente occupa non solo nella storia del cinema, ma anche nella storia della nostra civiltà culturale in senso più ampio. La missione di coerenza e diversità è compiuta.

Sosteniamo quindi che la Giovinezza del cinema europeo non sia più da dimostrare, così come la cura ricostituente rappresentata dagli European Film Awards. In quanto partner, Cineuropa ringrazia l’Accademia e gli organizzatori per una grande serata da cui traiamo parte della motivazione comune che continuerà ad animarci nel 2016.

La lista completa dei vincitori della serata:

Film europeo
Youth [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Paolo Sorrentino
scheda film
]
, Paolo Sorrentino

Commedia europea
Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Roy Andersson
scheda film
]
, Roy Andersson

Regista europeo
Paolo Sorrentino, Youth

Attrice europea
Charlotte Rampling, 45 Anni [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
Q&A: Andrew Haigh
scheda film
]

Attore europeo
Michael Caine, Youth

Sceneggiatore europeo
Yorgos Lanthimos & Efthymis Filippou, The Lobster [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
Q&A: Yorgos Lanthimos
scheda film
]

Documentario europeo
Amy [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Asif Kapadia

Film d'animazione europeo
Song of The Sea [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Tomm Moore
scheda film
]
, Tomm Moore

Rivelazione europea – Premio FIPRESCI
Mustang [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Deniz Gamze Ergüven
scheda film
]
, Deniz Gamze Ergüven

People's Choice Award 2015 - Migliore film europeo
Marshland [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Alberto Rodríguez
scheda film
]
, Alberto Rodríguez

Cortometraggio europeo
Picnic, Jure Pavlović

Direttore della fotografia europeo
Martin Gschlacht, Goodnight Mommy [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Severin Fiala e Veronika …
scheda film
]

Montatore europeo
Jacek Droslo, Body [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Malgorzata Szumowska
intervista: Malgorzata Szumowska
scheda film
]

Scenografo europeo
Sylvie Olivé, Dio Esiste E Vive A Bruxelles [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Jaco van Dormael
scheda film
]

Costumista europeo
Sarah Blenkinsop, The Lobster

Compositore europeo
Cat's Eyes, The Duke of Burgundy [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]

Sound designer europeo
Vasco Pimentel and Miguel Martins, Arabian Nights [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Miguel Gomes
scheda film
]
 Vols. I-III

Premio per la carriera
Charlotte Rampling

Premio per il Contributo europeo al cinema mondiale
Christoph Waltz

EFA d'onore
Michael Caine

Premio alla coproduzione europea 2015 - Premio Eurimages
Andrea Occhipinti

(Tradotto dall'inglese)

Bridging the Dragon
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

CASI HECHO Home