La ragazza senza nome (2016)
Un padre, una figlia (2016)
María (y los demás) (2016)
United States of Love (2016)
Waves (2016)
Il più grande sogno (2016)
American Honey (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

BERLINO 2016 Italia

email print share on facebook share on twitter share on google+

In concorso a Berlino Fuocoammare di Gianfranco Rosi

di 

- Annunciata ieri dalla Berlinale la selezione del nuovo film documentario del Leone d’Oro, girato nell’isola di Lampedusa, approdo di migliaia di migranti in cerca di libertà

In concorso a Berlino Fuocoammare di Gianfranco Rosi
Una scena di Fuocoammare

È intitolato Fuocoammare [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Gianfranco Rosi
scheda film
]
il nuovo film documentario del Leone d’Oro Gianfranco Rosi che è stato selezionato in Concorso a Berlino, come annunciato ieri dalla Berlinale.

Per Fuocoammare Rosi è andato a Lampedusa, approdo negli ultimi 20 anni di migliaia di migranti in cerca di libertà, epicentro del clamore mediatico. Rosi si è trasferito per più di un anno sull’isola facendo esperienza di cosa vuol dire vivere sul confine più simbolico d’Europa raccontando i diversi destini di chi sull’isola ci abita da sempre e i migranti. Protagonista è Samuele, 12 anni, testimone con i suoi concittadini di una tra le più grandi tragedie umane dei nostri tempi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Regia, fotografia e suono sono di Gianfranco Rosi, il montaggio di Jacopo Quadri, aiuto-regia è Giuseppe del Volgo. Il soggetto è dello stesso regista, da un’idea di Carla Cattani. Il film è prodotto da Donatella Palermo e Gianfranco Rosi, attreverso 21Uno Film e Stemal Entertainment, con Istituto Luce-Cinecittà e Rai Cinema, in coproduzione con le francesi Les Films D’Ici e Arte France Cinéma. Uscirà nelle sale italiane a febbraio, distribuito da Istituto Luce-Cinecittà.

L’invito a partecipare alla Berlinale è arrivato mentre Rosi stava ancora girando a Lampedusa, dove è stato trasferito il montaggio per garantire il continuo scambio tra realtà e narrazione documentaristica. “È sempre difficile staccarmi dai personaggi e dai luoghi delle riprese”, dichiara il regista, “ma questa volta lo è ancora di più. Più che in altri miei progetti, ho sentito però la necessità di restituire al più presto questa esperienza per metterla in dialogo con il presente e le sue domande. Sono particolarmente contento di portare a Berlino, nel centro dell’Europa, il racconto di Lampedusa, dei suoi abitanti e dei suoi migranti, proprio ora che la cronaca impone nuovi ragionamenti”.

Seneca's Day Lithuania
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Home Sweet Home