Ava (2017)
120 battements par minute (2017)
Happy End (2017)
Jupiter's Moon (2017)
The Square (2017)
Le Redoutable (2017)
A Ciambra (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

BERLINO 2016 Mercato

email print share on facebook share on twitter share on google+

MEDIA Salles: nel 2015 aumentati gli spettatori nei cinema d’Europa

di 

- +5,2% nei dati che l’associazione sostenuta da Europa Creativa presenta alla Berlinale, mentre la digitalizzazione tocca il 95% degli schermi

MEDIA Salles: nel 2015 aumentati gli spettatori nei cinema d’Europa

Dalle statistiche elaborate da MEDIA Salles emerge che, nei 32 paesi i cui dati sono già disponibili, dall’Islanda a Cipro, dalla Russia al Portogallo, gli spettatori sono stati 1.210,5 milioni con un incremento del 5,2% rispetto ai 1.151,0 milioni del 2014. L’associazione che opera nell’ambito del sub-programma MEDIA di Europa Creativa presenterà i nuovi dati il 13 febbraio alla Berlinale (scarica le tavole qui).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

“Il 2015 è stato per le sale cinematografiche europee un anno buono. L’aumento delle presenze e degli incassi, infatti, riguarda praticamente tutti i paesi che MEDIA Salles ha analizzato, a differenza degli anni in cui – come nel 2014 - un risultato complessivamente positivo per l’Europa celava marcate diversità, con territori in crescita e paesi in calo anche sensibile”, commenta Paolo Protti, Presidente di MEDIA Salles.

I 18 paesi dell’Europa Occidentale – totalizzando 866,0 milioni di presenze rispetto agli 816,5 del 2014 – registrano un aumento del 6,1%, mentre i 14 dell’Europa Centrale e Orientale e del Bacino del Mediterraneo chiudono l’anno con il 3,0% di aumento e un totale di 344,5 milioni di biglietti venduti, da confrontare con i 334,5 milioni del 2014. Per quest’area dell’Europa si tratta del decimo aumento consecutivo che ha consentito, nel giro di un decennio, di praticamente raddoppiare i propri spettatori.

Le statistiche di MEDIA Salles registrano eccezionali aumenti dei biglietti venduti in Portogallo (20,4%), in Finlandia (20,3%) e Danimarca (15,8%). Anche nei 5 mercati principali si registra un incremento particolarmente lusinghiero: è quello della Germania dove, secondo i dati diffusi dalla FFA, gli spettatori sono stati 139,2 milioni, in crescita del 14,3% rispetto al 2014. Con questo balzo la Germania torna ad un livello che dopo il 2009 non aveva più raggiunto.

Al di sopra della media è anche il tasso di crescita del Regno Unito (9,2%). Una delle ragioni di questo risultato (oltre 14 milioni di spettatori in più rispetto all’anno precedente) è il successo dei film “homemade” tra cui Ritorno al Marigold Hotel [+leggi anche:
trailer
making of
scheda film
]
, Suffragette [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
scheda film
]
, Spectre [+leggi anche:
trailer
making of
scheda film
]
e The Lady in the Van [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
. E benché Star Wars non fosse un film da ascrivere come nazionalità ufficiale al Regno Unito, il suo lato “British” (è stato girato nei leggendari Pinewood Studios come la serie degli 007) ha fatto sì che la “forza fosse con il numero dei biglietti venduti nel Regno Unito”, come ci tiene a sottolineare Mike Vickers, uno dei più reputati programmatori indipendenti del Paese.

In Italia, le stime elaborate da MEDIA Salles parlano di un incremento delle presenze dell’8,1% con un totale di biglietti venduti negli schermi con almeno 60 giorni di attività pari a 104,5 milioni. La Spagna, che cresce del 1,2%, cioè meno della media, ottiene però il secondo incremento consecutivo dopo la serie negativa iniziata nel 2005. 

Tra i 5 maggiori mercati dell’Europa Occidentale risulta in controtendenza la Francia che perde l’1,4% degli spettatori, ma che si conferma come il mercato più importante d’Europa mantenendosi ben al di sopra della soglia dei 200 milioni. A pesare sul risultato è stato il calo di spettatori dei film nazionali, rispetto ad un 2014 davvero eccezionale.

Mantengono una sostanziale stabilità il mercato di Olanda (-0,2%), che ormai dal 2011 si colloca tra i 30 e 31 milioni di spettatori, e quello del Liechtenstein, che conferma i suoi 19 mila spettatori.

Segnali più positivi vengono da Lussemburgo (+15%), Svizzera (+11,3%), Grecia (+9,3%) e Norvegia (+8,6%), tutti territori che crescono più della media dell’Europa Occidentale. Crescite meno marcate si registrano in Irlanda (+5,6%), Austria (+4,9%), Svezia (+4,6%) e Islanda (+2,8%). 

Benché non siano ancora disponibili cifre ufficiali complessive, anche la stima per il Belgio è al rialzo. Tuttavia, si può già dire che i film fiamminghi hanno ottenuto nel 2015 un positivo risultato di pubblico.

Cannes NEXT
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Swiss Films Cannes