Glory (2016)
The Party (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Quello che so di lei (2017)
Una vita (2016)
Out (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

USCITE Italia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Onda su onda: dalla Basilicata all’Uruguay, continua il viaggio di Papaleo

di 

- Girato a Montevideo, il nuovo film del regista/attore lucano, con co-protagonista Alessandro Gassmann, esce oggi via Warner. Nelle sale anche Fuocoammare e The Danish Girl

Onda su onda: dalla Basilicata all’Uruguay, continua il viaggio di Papaleo
Rocco Papaleo e Alessandro Gassmann in una scena di Onda su onda

È il “discorso più bello del mondo”, quello dell’ex presidente uruguayano Pepe Mujica alle Nazioni Unite sul diritto alla felicità, ad aver ispirato a Rocco Papaleo l’ambientazione del suo nuovo film da regista, Onda su onda [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, girato quasi interamente a Montevideo, un po’ buddy movie, un po’ commedia romantica, un racconto dolceamaro e musicale come i suoi precedenti, in arrivo oggi nelle sale. “Dovevo andare a vedere che nazione fosse quella che esprimeva un capo di Stato così”, racconta Papaleo, “così ho scoperto un paese sobrio e orgoglioso, che stretto tra due colossi come Brasile e Argentina, mi ricordava la mia piccola regione italiana, la Basilicata”.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La fascinazione del regista lucano per questa capitale sudamericana la si percepisce bene, nel film, con la sua presenza importante tra squarci, panorami, insegne di vecchi locali, e poi il porto, le gru, i grattacieli. Sullo sfondo di questa metropoli decadente, dove arriviamo dopo un prologo in nave che ci presenta i due protagonisti, assistiamo così alle avventure sulla terraferma di Ruggero Chiaromonte e Gegè Cristofori (Alessandro Gassmann e il regista stesso), il primo riservato cuoco di bordo con la passione dei libri, il secondo esuberante cantante caduto in disgrazia, due uomini diversamente frustrati e soli che, loro malgrado, saranno costretti a passare del tempo insieme.

La sceneggiatura, scritta dal regista col suo sodale Valter Lupo e con Federica Pontremoli, è ben articolata e non risparmia colpi di scena: Gegè è atteso a Montevideo per un concerto ma perde improvvisamente la voce e, per non rinunciare al cachet, deve cercare un sostituto. Ruggero si offre di cantare al posto suo, e così parte una pantomima a colpi di scambi d’identità e lezioni su come impugnare il microfono con carisma, per ingannare la bella ed esaltata organizzatrice dell’evento, Gilda Mandarino (l’argentina Luz Cipriota). Ma anche quest’ultima non è esattamente quello che dice di essere.

Dopo Basilicata coast to coast [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Rocco Papaleo
scheda film
]
e Una piccola impresa meridionale [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, i temi del viaggio e del riscatto personale tornano a condire l’universo di Papaleo, assieme a un raffinato accompagnamento musicale: “In ogni storia parto da una suggestione musicale”, dice il regista, “il titolo stavolta è un superomaggio a Paolo Conte, che amo come uno zio”. Wes Anderson, Aki Kaurismaki, i fratelli Coen, sono gli autorevoli riferimenti di Papaleo per il suo realismo poetico, “autori che provano a essere spiritosi in atmosfere rarefatte, che sanno essere allo stesso tempo ironici e malinconici”. Nel cast, anche un tenero Massimiliano Gallo, nei panni del comandante con la paura di affondare. Prodotto da Warner Bros Entertainment Italia, Indiana e Less Is More, Onda su onda è distribuito oggi da Warner in 330 sale.

Si segnalano, tra le uscite di oggi 18 febbraio, altri due titoli europei importanti: Fuocoammare [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Gianfranco Rosi
scheda film
]
di Gianfranco Rosi (distribuzione 01 su 50 schermi), applaudito di recente al Festival di Berlino, e The Danish Girl [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Paco Delgado
scheda film
]
di Tom Hooper (Universal, 290 schermi), plurinominato agli Oscar. Le altre novità sono tutte targate USA: Cinquanta sbavature di nero (Notorious, 175 schermi), Deadpool (Fox, 400 schermi), Il caso Spotlight (Bim, 180 sale) e Zootropolis (Disney, 650 sale).

Emilia Romagna_site IT
Odessa site
Film Business Course
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss