La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
Orpheline (2016)
Félicité (2017)
Paris La Blanche (2016)
Waldstille (2016)
The Other Side of Hope (2017)
Noces (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

PRODUZIONE Bulgaria

email print share on facebook share on twitter share on google+

Svetoslav Draganov realizza il suo primo lungometraggio di finzione, Waterfall CEO

di 

- Il regista di documentari studia nel profondo la questione dell’etica, in una storia che parla… di un regista di documentari

Svetoslav Draganov realizza il suo primo lungometraggio di finzione, Waterfall CEO
Il regista Svetoslav Draganov

Il documentarista e produttore di Zhaleika [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, Svetoslav Draganov, sta lavorando al suo primo lungometraggio di finzione, Waterfall CEO. Il progetto è prodotto da Draganov e Katya Trichkova per Cineaste Maudit.

La produzione inizierà in aprile 2017. Draganov prevede 36 giorni di riprese a Sofia, Amsterdam e in un villaggio sul mar Nero. Il film ha ricevuto un aiuto di circa 400 000 euro dal Centro nazionale della cinematografia bulgara. Al momento, Cineaste Maudit cerca dei partner in Romania e nei Paesi Bassi per coprodurre il progetto, il cui budget ammonta a 850 000 euro. Draganov intende trovare attori professionisti e non nel casting che si svolgerà prossimamente. La fotografia è affidata a Vesselin Hristov (Thirst [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Svetla Tsotsorkova
scheda film
]
).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La sceneggiatura, co-firmata da Draganov e Nevena Borisova, racconta la storia di Vassil, un regista di documentari con un blocco artistico. Dirige una trasmissione televisiva, ma spera sempre di riuscire a tornare in pista con i documentari. Pensa di aver trovato l’occasione perfetta quando il suo nuovo soggetto, Avtonom, un giovane monaco, è vittima di una depressione nervosa. Vedendoci la sua ultima speranza di gloria, Vassil si fissa sul suo obiettivo, che porterà a conseguenza inattese.

Draganov ha dichiarato che una parte di questa storia è stata ispirata dal lavoro per il suo ultimo documentario, Life Almost Wonderful. "Ho sempre avuto un dilemma etico riguardante la scelta di quello che si può mettere o meno in un film. Ho sempre avuto difficoltà a decidere se potevo svelare dettagli intimi dei personaggi, cose che potessero ferirli, ma che avrebbero reso il film molto più interessante”, ha spiegato il regista, aggiungendo che Vassil non è un personaggio autobiografico: “Ha un proprio volto e segue la propria strada”.

Draganov ha diretto numerosi documentari, i più conosciuti sono Life Is Wonderful, Isn’t It? (Premio MDR del Dok Leipzig 2001), Young at Heart (Premio Europa 2003) e Life Almost Wonderful (Menzione Speciale al Zagabria Dox e al Festival internazionale di Sofia nel 2014).

(Tradotto dall'inglese)

Bridging the Dragon
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

CASI HECHO Home