The Other Side of Hope (2017)
Félicité (2017)
Orpheline (2016)
La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
Waldstille (2016)
Dall'altra parte (2016)
Paris La Blanche (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

CANNES 2016 Finanziamenti

email print share on facebook share on twitter share on google+

15 progetti selezionati all’Atelier de la Cinéfondation di Cannes

di 

- Danilo Caputo, José Ortuño ed Eric Chevillard rappresentano l’Europa. In vetrina anche Kaan Müjdeci, Rezan Yeşilbaş e Santiago Mitre

15 progetti selezionati all’Atelier de la Cinéfondation di Cannes
I registi selezionati all’Atelier de la Cinéfondation (©Festival de Cannes)

15 progetti di lungometraggi provenienti da 14 paesi sono stati selezionati per la 12a edizione dell'Atelier de la Cinéfondation che si svolgerà nell’ambito del 69° Festival di Cannes (dall’11 al 22 maggio 2016). Quest’anno, l'Europa sarà rappresentata da Sow the Wind dell’italiano Danilo Caputo (scoperto al Forum degli Indipendenti a Karlovy Vary nel 2014 con La mezza stagione [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
), Animas dello spagnolo José Ortuño e Ni dieux ni maîtres del francese Eric Chevillard.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Si segnalano inoltre due progetti turchi: Iguana Tokyo di Kaan Müjdeci (premio speciale della giuria a Venezia nel 2014 per il suo primo lungometraggio, Sivas [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
) e The Boarding School di Rezan Yeşilbaş (Palma d'Oro del cortometraggio nel 2012).

Gli altri selezionati dell’Atelier 2016 sono La Cordillera di Santiago Mitre (Argentina - Gran Premio della Semaine de la Critique cannense l’anno scorso con Paulina [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
), Tantas almas di Nicolás Rincón Gille (Colombia - regista della trilogia documentaria En lo escondido, Los abrazos del río e Noche herida), Abou Aleila di Amin Sidi-Boumediène (Algeria), My Favorite Fabric della siriana Gaya Jiji, Death in Bed di David Volach (Israele), Daoud’s Winter di Koutaiba Al Janabi (Iraq - apprezzato soprattutto in Leaving Baghdad nel 2010), Memories and My Mother di Aditya Vikram Sengupta (India - scoperto ai Venice Days 2014 con Labour of Love), The Whole-Timers del duo Bibhusan Basnet - Pooja Gurunget (Nepal), Marlina The Murderer in Four Acts di Mouly Surya (Indonesia) e Femme fatale della documentarista giapponese Kyoko Miyake.

Creato nel 2005 con lo scopo di incoraggiare il cinema di creazione e favorire l’emergere di una nuova generazione di cineasti aiutandoli a completare il finanziamento dei loro film, l’Atelier ha giovato in questi dieci anni a 171 progetti di cui 126 sono già usciti nelle sale e 18 sono attualmente in pre-produzione. L’Atelier permetterà ai selezionati 2016 di essere presenti con i loro produttori dal 13 al 19 maggio sulla Croisette e di incontrare individualmente i professionisti interessati ai loro progetti. Il Libro dei Progetti e i moduli d’iscrizione saranno disponibili a inizio aprile sul sito della Cinéfondation.

(Tradotto dal francese)

Bridging the Dragon
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

CASI HECHO Home