Il mio Godard (2017)
The Square (2017)
Loving Vincent (2016)
Soleil battant (2017)
The Nothing Factory (2017)
Out (2017)
Corpo e anima (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

CANNES 2016 Paesi nordici

email print share on facebook share on twitter share on google+

Nicolas Winding Refn mira alla Palma d'Oro per la terza volta

di 

- Il thriller del regista danese The Neon Demon - "un horror danese che coinvolge cannibali e top model" - è l'unica pellicola scandinava in competizione a Cannes quest'anno

Nicolas Winding Refn mira alla Palma d'Oro per la terza volta
Elle Fanning in The Neon Demon di Nicolas Winding Refn

Quando il Delegato Generale del Cannes Film Festival Thierry Frémaux ha annunciato la selezione della competizione principale di quest'anno a Parigi, non c'erano titoli scandinavi tra i primi 19 contendenti alla Palma d'Oro - ma poi, eccone uno: The Neon Demon [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
Q&A: Nicolas Winding Refn
scheda film
]
dello sceneggiatore-regista danese Nicolas Winding Refn, "un horror danese che coinvolge cannibali e top model", secondo quanto Frémaux ha detto a riguardo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La partecipazione delle nazioni nordiche di Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia sulla Costa Azzurra dall'11 al 22 maggio è tutt'altro che travolgente - oltre a The Neon Demon, The Happiest Day in the Life of Olli Mäki [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Juho Kuosmanen
scheda film
]
del regista finlandese Juho Kuosmanen sarà proiettato nella sezione Un Certain Regard, e la Svezia ha due cortometraggi nella competizione ufficiale: Fight on a Swedish Beach dello svedese Simon Vahlne e Mother del regista colombiano Simón Mesa Soto, prodotto da David Herdies per la Momento Film di Stoccolma.

The Neon Demon - terza fatica cannense di Refn, dopo Drive (2011), che ha vinto per la Miglior Regia, e Solo Dio Perdona [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
film focus
intervista: Nicolas Winding Refn
scheda film
]
(2013) - è incentrato sull'ossessione per la bellezza e le apparenze perfette. Una giovane donna cerca di iniziare una carriera da modella a Los Angeles, ma la sua giovinezza e vitalità vengono divorate da un gruppo di donne che utilizzeranno tutti i mezzi necessari per appropriarsi di ciò che ha.

Scritto da Refn, il film ha per protagonista Elle Fanning in un cast composto da Jena Malone, Keanu Reeves, Karl Glusman, Bella Heathcote, Abbey Lee e Christina Hendricks. Sviluppato e post-prodotto in Danimarca, è stato girato a Los Angeles e prodotto dalla danese Lene Børglum per la società sua e di Refn, Space Rocket Nation. Scanbox ha previsto l'uscita nelle sale danesi per il 9 giugno, mentre la distribuzione all'estero è affidata alla parigina Wild Bunch, che ha co-finanziato il film con Gaumont.

Sostenuto dal Danish Film Institute, The Neon Demon uscirà contemporaneamente in Regno Unito, Francia, Italia e Stati Uniti (dove verrà gestito da Amazon). Refn, che festeggia il suo 20° anniversario come regista, consegna così un lungometraggio danese che dovrebbe godere della più grande uscita internazionale di tutti i tempi.

L'opera prima di Kuosmanen, The Happiest Day in the Life of Olli Mäki, si ispira a fatti realmente accaduti: Olli Mäki è stato il primo finlandese a lottare per il campionato mondiale di pugilato nei pesi piuma, che ha perso in modo umiliante per un knock-out al secondo round, in uno stadio gremito. Eppure, lo vede come il giorno più bello della sua vita. "Non è solo un film sulla ricerca dell'amore; parla della paura del fallimento e dell'ansia del successo - le stesse emozioni contro cui ho lottato mentre lo realizzavo", ha spiegato Kuosmanen. "La possibilità di presentarlo al più importante festival cinematografico del mondo porta una nuova serie di aspettative, ma come ha detto Mäki, 'Combattiamo e vediamo come va.'"

Kuosmanen e Mikko Myllylahti hanno sceneggiato il film, interpretato da Jarkko Lahti in un cast che comprende Oona Airola e Eero Milonoff; è stato prodotto da Jussi Rantamäki per Aamu Filmcompany. Dopo l'anteprima mondiale a Cannes, B-Plan si occuperà della distribuzione locale il 2 settembre, e la francese Les Films du Losange gestirà le vendite internazionali.

Fight on a Swedish Beach di Vahlne è la ricostruzione di un evento su una spiaggia della Svezia occidentale che ha avuto origine da un'imitazione molto inadeguata, ma molto accurata, del Führer tedesco Adolf Hitler. Vahlne, che aveva già diretto due cortometraggi, ha lavorato al suo terzo con i produttori svedesi Ellen Hallin e Axel Danielson, di Plattform Produktion, ed è stato sostenuto dallo Swedish Film Institute.

Parte del progetto internazionale Break the Silence, incentrato sui bambini vittime di abusi sessuali, Mother di Soto è la storia di una colombiana sedicenne, Andrea, che lascia la sua misera casa per partecipare a un provino per un film porno. Nato in Colombia, il regista si è poi trasferito a Londra, dove ha studiato alla London Film School. Due anni fa, il suo cortometraggio Leidi ha vinto il primo premio a Cannes, e sta attualmente lavorando al suo primo lungometraggio.

(Tradotto dall'inglese)

ArteKino
Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss