Razzia (2017)
The Nothing Factory (2017)
Mademoiselle Paradis (2017)
A Ciambra (2017)
On Body and Soul (2017)
Thelma (2017)
The Nile Hilton Incident (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

INDUSTRIA Regno Unito

email print share on facebook share on twitter share on google+

Le registe donne e Cut Out of the Picture

di 

- Solo il 13,6% dei registi attivi dell'ultimo decennio sono state donne

Le registe donne e Cut Out of the Picture

Un nuovo sondaggio commissionato dall'associazione di registi Directors UK ha rivelato i livelli di disuguaglianza di genere nel mondo del cinema britannico. Il rapporto, intitolato Cut Out of the Picture (Tagliate Fuori), esamina 2591 film usciti tra il 2005 e il 2014 e rileva che le donne ne hanno diretto solo il 13,6%. La relazione evidenzia inoltre che, in media, le registe dirigeranno meno film nella loro carriera e hanno meno probabilità di ricevere una seconda, terza o quarta opportunità di regia. Tra l'altro, con l'aumentare dei budget, un minor numero di registe saranno assunte e quelle assunte sono sproporzionatamente limitate a determinati generi. Nel 2007 il 32,9% dei film con fondi pubblici provenienti dal Regno Unito ha avuto un regista donna ma già nel 2014 la percentuale si era ridotta ad appena il 17%. Il rapporto non ha trovato traccia di iniziative organizzate, coscienti o deliberate per escludere le donne dal settore o da certi ruoli al suo interno, e presuppone che lo squilibrio di genere sia principalmente dovuto ad un pregiudizio inconscio.

Sarah Gavron, premiata regista di Suffragette [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
scheda film
]
e Brick Lane [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, ha detto, "È scioccante e sorprendente vedere queste cifre. Ho lasciato la scuola di cinema nel 2000 e ogni anno mi aspettavo di vedere il numero (di registe) aumentare, ma la situazione non migliora. La ricerca mostra quanto sia importante trovare il modo di sostenere le registe donne dopo il diploma dalla scuola di cinema, o dopo i primi cortometraggi, per permettere loro di realizzare il primo, secondo e terzo film - al fine di contrastare il calo che spesso si verifica. È stato solo quando ho iniziato a vedere film diretti da donne che ho trovato il coraggio di dirigere. I modelli da imitare sono importanti per far sviluppare e incoraggiare la prossima generazione di registe".

Susanna White, regista del film in uscita il 13 maggio nel Regno Unito Our Kind of Traitor [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(vedi news), ha detto, "È scioccante vedere l'entità di questo pregiudizio implacabile nero su bianco. E il motivo per cui questo studio è così importante è perché offre chiare raccomandazioni dalle quali partire per ristabilire l'equilibrio".

Il rapporto offre tre suggerimenti - un obiettivo di parità di genere 50/50 in ambito di finanziamento pubblico entro il 2020; la modifica della detassazione cinematografica per richiedere che si tenga conto della diversità per tutti i film britannici; e un'ampia campagna di settore per riequilibrare la disuguaglianza di genere nel cinema inglese.

Oliver Parker, regista del successo britannico del 2016 Dad’s Army, ha detto, "Sono completamente a favore dei suggerimenti di Directors UK. Rappresentano un messaggio forte e significativo sul fatto che le cose devono cambiare. La prima sfida è identificare il problema, che la relazione affronta in modo incisivo. La sensibilizzazione è fondamentale, poi bisogna agire. A lungo termine, l'industria cinematografica britannica avrà bisogno di diventare più robusta. La Gran Bretagna ne guadagna se accetta la diversità, se incoraggia l'individualità. È semplicemente sciocco escludere il 50% degli individui da qualcosa per cui hanno studiato".

(Tradotto dall'inglese)

Jihlava
San Sebastián Full
Focal Production Value
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss