The Nile Hilton Incident (2017)
The Party (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Verano 1993 (2017)
Tom of Finland (2017)
Barrage (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FESTIVAL Regno Unito

email print share on facebook share on twitter share on google+

The Seasons In Quincy: Four Portraits of John Berger chiuderà lo Sheffield Doc/Fest

di 

- Il festival del cinema documentario di Sheffield ha in programma quest’anno due retrospettive dedicate a Ken Loach e Chantal Akerman

The Seasons In Quincy: Four Portraits of John Berger chiuderà lo Sheffield Doc/Fest
The Seasons In Quincy: Four Portraits of John Berger di Tilda Swinton, Colin MacCabe, Christopher Roth e Bartek Dziadosz

Lo Sheffield Doc/Fest si aprirà con la proiezione del nuovo film di Michael MooreWhere to Invade Next, e si chiuderà con la produzione britannica The Seasons In Quincy: Four Portraits of John Berger [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, diretta da Tilda Swinton, Colin MacCabe, Christopher Roth e Bartek Dziadosz. La manifestazione ospiterà dal 10 al 15 giugno 27 prime mondiali, 15 internazionali, 19 europee e 52 britanniche. Tra gli ospiti, gli stessi Michael Moore e Tilda Swinton, e poi Joanna Lumley, Reggie Yates, Ken Loach, Roger Graef, Stacey Dooley, Jolyon Rubinstein, D. A. Pennebaker & Chris Hegedus, Nino Kirtadze, Louis Theroux, Freddie Flintoff, Lord David Puttnam e Adam Buxton.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Liz McIntyre, direttrice del festival, ha dichiarato: “Viviamo un’epoca straordinaria, tumultuosa ed emozionante, e il Doc/Fest di quest’anno cattura questo spirito nei suoi tre programmi: Cinema, Reatà Alternative e Chiacchiere e Sessioni. Sono felice che due talenti come Michael Moore e Tilda Swinton aprano e chiudano rispettivamente il festival. Non vedo l’ora di ascoltare le parole dell’androide Bina48 in apertura di Realtà Alternative. Il programma di Chiacchiere e Sessioni affronterà temi affascinanti e controversi, dalle novità del documentario fino a un esame della diversità dell’industria. Siamo ansiosi di dare il benvenuto a talenti nuovi, emergenti e affermati per un’esplosione creativa del documentario e dei modi di raccontare storie reali su tutte le piattaforme”.

Il programma cinematografico del festival include 160 opere, sia corti che lungometraggi, provenienti dal Regno Unito e dal resto del mondo firmati da autori come D. A. Pennebaker, Barbara Kopple, Louise Osmond, Brian Hill, George Gittoes, Joe Berlinger e Morgan Neville. Spiccano quest’anno le retrospettive dedicate alla produzione documentaria di Ken Loach e della belga Chantal Akerman, cui Marianne Lambert consacra una selezione dal titolo I Don’t Belong Anywhere - The Cinema of Chantal Akerman. Sul piano europeo, si segnalano anche le proiezioni di The Settlers [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, una produzione tra Germania, Francia e Israele diretta da Shimon Dotan; l’opera di Tom Fassaert intitolata A Family Affair [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Tom Fassaert
scheda film
]
e prodotta tra Belgio, Danimarca e Paesi Bassi; l’olandese Ants on a Shrimp di Maurice Dekkers; la francese Merci Patron! di Francois Ruffin; la produzione britannica Klavierkunst di Jack Peagam, e l’opera del suo connazionale Roy Cohen dal titolo Machine of Human Dreams.

(Tradotto dall'inglese)

Gijon_Home
Film Business Course
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss