Glory (2016)
The Party (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
Out (2017)
L'altro volto della speranza (2017)
Quello che so di lei (2017)
Una vita (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

KARLOVY VARY 2016 Francia

email print share on facebook share on twitter share on google+

29 (co)produzioni francesi in vetrina a Karlovy Vary

di 

- Con 11 produzioni maggioritarie e 18 minoritarie in programma, oltre a venditori iperattivi, la Francia è ben rappresentata al festival ceco

29 (co)produzioni francesi in vetrina a Karlovy Vary
La Permanence di Alice Diop

La presenza francese è apparentemente discreta nelle tre sezioni competitive del 51mo Festival di Karlovy Vary (al via da oggi fino al 9 luglio). In effetti, c’è una sola produzione maggioritaria francese e punta al Grand Prix 2016 della categoria documentari: La Permanence [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Alice Diop. Tuttavia, un esame attento della programmazione dell’evento ceco dimostra ancora una volta a che punto l’industria cinematografica francese sia profondamente impegnata nella produzione, la coproduzione e le vendite internazionali di lungometraggi da tutto il mondo. Nel programma di questa edizione 2016 di Karlovy Vary figurano così 11 produzioni maggioritarie francesi e 18 minoritarie.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Tre coproduzioni minoritarie figurano tra i 12 lungometraggi di finzione in lizza per il Globo di Cristallo della selezione ufficiale: Zoology [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Ivan I. Tverdovsky
scheda film
]
del russo Ivan I. Tverdovski (coprodotto da Arizona Productions - leggi l'articolo), Le confessioni [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Roberto Andò
scheda film
]
dell’italiano Roberto Andò (coprodotto da Barbary Films) e The Wolf of Royal Vineyard Street [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Tomáš Klein
scheda film
]
del compianto cineasta ceco Jan Nemec (coprodotto da Bocalupo Films).

Nella sezione Another View si distinguono tre produzioni delegate francesi: la Caméra d'Or cannense Divines [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Houda Benyamina
scheda film
]
di Houda Benyamina (acquisito da Netflix e che uscirà il 31 agosto nelle sale francesi via Diaphana), il documentario Exil [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del cambogiano Rithy Panh (visto anch’esso sulla Croisette, in proiezione speciale della selezione ufficiale - venduto da Films Distribution) e Underground Fragrance del cinese Pengfei (passato per i Venice Days - prodotto da House On Fire - venduto da Urban Distribution International). Sono in programma anche cinque coproduzioni minoritarie francesi, di cui tre ammirate a Cannes: l’affascinante Mimosas [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Oliver Laxe
scheda film
]
dello spagnolo Oliver Laxe (Grand Prix della Semaine de la Critique - coprodotto da Rouge International e venduto da LuxBox che ha da poco concluso un accordo per gli Stati Uniti), l’originalissimo Wolf and Sheep [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Shahrbanoo Sadat
scheda film
]
dell’afgana Shahrbanoo Sadat (presentato alla Quinzaine des Réalisateurs - coprodotto da La Fabrica Nocturna Productions e venduto da Alpha Violet) e il palpitante Tramontane [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del libanese Vatche Boulghourjian (che ha avuto la sua première alla Semaine de la Critique - coprodotto da Le Bureau - Le Petit Bureau che guida anche le vendite internazionali). Il menu Another View include inoltre due coproduzioni minoritarie presentate al Panorama della Berlinale: Les Premiers, les Derniers [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Bouli Lanners
scheda film
]
del belga Bouli Lanners (Label Europa Cinemas - coprodotto da ADCB Films - venduto da Wild Bunch) e Aloys [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Tobias Nölle
scheda film
]
dello svizzero Tobias Nolle (coprodotto da Petit Film).

Nella sezione Orizzonti brillano quattro produzioni maggioritarie: il concorrente a Cannes Slack Bay [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
Q&A: Bruno Dumont
scheda film
]
di Bruno Dumont, Le fils de Joseph [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Eugène Green (scoperto al Forum della Berlinale) e i concorrenti a Venezia L'hermine [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Christian Vincent e Rabin, The Last Day [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
dell’israeliano Amos Gitaï. Otto coproduzioni minoritarie li accompagnano tra cui il concorrente a Cannes Graduation [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
Q&A: Cristian Mungiu
intervista: Cristian Mungiu
scheda film
]
del rumeno Cristian Mungiu (prodotto da Why Not - venduto da Wild Bunch), Aquarius [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del brasiliano Kleber Mendonça Filho (coprodotto e venduto da SBS International) e Juste la fin du monde [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del canadese Xavier Dolan (coprodotto da MK2 Productions), l'Orso d'Oro berlinese Fuocoammare [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Gianfranco Rosi
scheda film
]
dell’italiano Gianfranco Rosi (coprodotto da Les Films d'Ici e venduto da Doc & Film International), Fai bei sogni [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Marco Bellocchio
scheda film
]
del suo connazionale Marco Bellocchio (che aveva aperto la Quinzaine des Réalisateurs - coprodotto da Ad Vitam), il premiato a Venezia Frenzy [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Emin Alper
scheda film
]
del turco Emin Alper (coprodotto da Paprika Films), Belgica [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Artemio Benki, Sylvie Leray
intervista: Felix Van Groeningen
scheda film
]
del belga Felix van Groeningen (coprodotto da Pyramide) e la produzione delegata britannica A Hologram for the King [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del tedesco Tom Tykwer (coprodotto da 22h22).

In proiezione di mezzanotte figura il thriller in lingua inglese Blood Father [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Jean-François Richet (produzione delegata di Why Not - scoperto a Cannes e venduto da Wild Bunch), mentre la sezione Variety Critics' Choice ha selezionato la produzione maggioritaria francese A peine j'ouvre les yeux [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Leyla Bouzid
scheda film
]
di Leyla Bouzid (Label Europa Cinemas ai Venice Days - venduto da Doc & Film) e la minoritaria Je me tue à le dire [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Xavier Seron
scheda film
]
del belga Xavier Séron (coprodotto da Tobina Film - venduto da Stray Dogs). Infine, il programma Imagina include Sfumato di Christophe Bisson (prodotto da Tryptique Films) eNotes on Blindness [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: James Spinney, Peter Middl…
scheda film
]
del duo Peter Middleton - James Spinney (coprodotto con il Regno Unito da Agat Films & Ex Nihilo).

I venditori internazionali francesi contano sulle loro line-up altri 10 titoli in vetrina nelle diverse sezioni di questa edizione del festival di Karlovy Vary, in particolare sei nel menu Another View: The Happiest Day in the Life of Olli Mäki [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Juho Kuosmanen
scheda film
]
del finlandese Juho Kuosmanen (Premio Un Certain Regard a Cannes - venduto da Les Films du Losange), The Student del russo Kirill Serebrennikov (svelato nella stessa sezione cannense venduto da Wide Management), Galloping Mind [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del belga Wim Vandekeybus (venduto da Be For Films), Island City dell’indiana Ruchika Oberoi (scoperto ai Venice Days - venduto da Stray Dogs), Oscuro animal [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del colombiano Felipe Guerrero (presentato a Rotterdam e venduto da Pascale Ramonda) e You'll Never Be Alone del cileno Alex Anwandter (Panorama della Berlinale - venduto da Wide Management). Da notare infine che Films Distribution vende il concorrente a Cannes Ma'Rosa del filippino Brillante Mendoza che sarà proiettato nella sezione Orizzonti, che Celluloid Dreams vende Bone Tomawak dell’americano S Craig Zahler che sarà presentato in proiezione di mezzanotte, e che due titoli del Variety Critics' Choice sono sulle line-up dei venditori francesi: Les démons del canadese Philippe Lesage per Be For Films e Neon Bull [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del brasiliano Gabriel Mascaro per Memento Films International.

(Tradotto dal francese)

Gijon_Home
Film Business Course
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss