Toni Erdmann (2016)
Il più grande sogno (2016)
King of the Belgians (2016)
The Ornithologist (2016)
La mia vita di zucchina (2016)
Things to Come (2016)
La ragazza senza nome (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

ODESSA 2016

email print share on facebook share on twitter share on google+

The Nest of the Turtledove: partire, poi tornare

di 

- Nel suo film, proclamato miglior lungometraggio ucraino al festival di Odessa, l’ucraino Taras Tkachenko affronta il tema della migrazione economica raccontando il ritorno in patria

The Nest of the Turtledove: partire, poi tornare

Quasi quattro milioni di ucraini lavorano all’estero, indica la sinossi di The nest of the Turtledove [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 (lett. “Il nido della rondine“) del regista ucraino Taras Tkachenko, proclamato miglior film della competizione ucraina al 7° Festival internazionale del film di Odessa lo scorso weekend.

La storia racconta di Daryna (Rimma Ziubina) che rientra in Ucraina dopo due anni passati a Genova a lavorare come badante presso un ricco avvocato appena divorziato (Mauro Cipriani) e la sua scontrosa madre (Lina Bernardi). Questi anni di lavoro clandestino hanno permesso a Dmytro (Vitaliy Linetskiy), il marito di Daryna, di costruire una nuova casa in paese e a sua figlia adolescente di studiare in città. Hanno anche profondamente cambiato Daryna, che si è trasformata nel frattempo in donna urbana e indipendente. Ma Daryna è anche incinta di dieci settimane, del signore presso cui lavorava in Italia, e dovrà scegliere se abortire o tenere il bambino, a rischio di sfasciare la sua famiglia.  

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Il racconto, costruito attorno a flashback della vita in Italia (l’arrivo grazie a una vicina, le difficoltà di adattamento a questa nuova vita, fino alla partenza precipitosa) e al ritorno al villaggio con le conseguenze personali, familiari e sociali di questa migrazione economica, funziona grazie a uno scenario efficace co-firmato dal regista e Vasyl Melnyk che affronta con energia temi come la solitudine dei lavoratori immigrati, il dilemma del ritorno e l’influenza del denaro nelle relazioni di coppia. Una scommessa tanto più riuscita, nonostante la messa in scena manchi talvolta di leggerezza e qualche parte squilibrata, se si considera che la produzione di The Nest of the Turtledove ha avuto diversi problemi importanti: l’attore principale ucraino è deceduto durante le riprese rendendo necessaria la riscrittura di parte della sceneggiatura, mentre la crisi in Ucraina e la svalutazione della sua moneta hanno abbattuto il budget di circa il 30%.

Coproduzione tra l’Ucraina (Andriy Suyarko, Volodymyr Filippov e Alla Ovsyannikova  per l’Insightmedia Producing Center) e l’Italia (Fabio Canepa e Alessandro D’Alessandro per 4Rooms), con il sostegno dell’Ukrainian State Film Agency e della Genova-Liguria Film Commission, The Nest of the Turtledove sarà distribuito nelle sale ucraine a novembre 2016, e dovrebbe avere anche un’uscita limitata in Italia. Una versione lunga e modificata del film sarà trasmessa alla televisione ucraina.

(Tradotto dal francese)

Leggi anche

Home Sweet Home
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Les Arcs