Un padre, una figlia (2016)
Toni Erdmann (2016)
La mia vita di zucchina (2016)
Fuocoammare (2016)
The Happiest Day in the Life of Olli Mäki (2016)
Park (2016)
Waves (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

VENEZIA 2016 Fuori Concorso

email print share on facebook share on twitter share on google+

Amir Naderi alla Mostra con Monte

di 

- La coproduzione Italia-Usa-Francia del grande regista iraniano è girata e ambientata in Italia nel 1350. Era stato selezionato al Venice Gap-Financing Market nel 2014

Amir Naderi alla Mostra con Monte
Monte di Amir Naderi

Il grande regista iraniano Amir Naderi (Vegas) riceverà il premio Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker della 73. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (31 agosto – 10 settembre 2016). La consegna del premio - dedicato a una personalità che abbia segnato in modo particolarmente originale il cinema contemporaneo - avrà luogo il 5 settembre, prima della proiezione Fuori Concorso del suo nuovo film Monte [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, in prima mondiale a Venezia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Monte è una coproduzione Italia-Usa-Francia: Citrullo InternationalZivago Media, Cineric, Ciné-Sud Promotion e KNM in collaborazione con Rai Cinema e con il sostegno del MiBac-DG Cinema, di IDM - Film Commission dell’Alto Adige e della Film Commission del Friuli Venezia Giulia. Si tratta del primo progetto ambientato e diretto in Italia di Naderi.

Il film, girato sulle montagne altoatesine e friulane, è ambientato nel 1350 e racconta la drammatica storia di un uomo che cerca di riportare la luce del sole nel proprio villaggio, dove la famiglia riesce a stento a rimanere in vita proprio per la prevalenza dell'oscurità. Monte, interpretato da Andrea Sartoretti e Claudia Potenza, ha fatto parte nel 2014 dei progetti selezionati all’interno del programma Venice Gap-Financing Market del Venice Production Bridge.

"Amir Naderi ha contribuito in maniera decisiva alla nascita del Nuovo cinema iraniano negli anni ’70 e ’80", commenta il direttore della Mostra Alberto Barbera. "L’ultima mezz’ora di Monte costituisce una sorta di sintesi di tutto il suo cinema, la metafora bigger than life della lotta per la sopravvivenza, contro i confini, le coercizioni e gli oltraggi che talvolta rendono la vita umana miserabile".

Seneca's Day Lithuania
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Home Sweet Home