Toni Erdmann (2016)
Il più grande sogno (2016)
King of the Belgians (2016)
The Ornithologist (2016)
La mia vita di zucchina (2016)
Things to Come (2016)
La ragazza senza nome (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

SARAJEVO 2016 Concorso

email print share on facebook share on twitter share on google+

The Black Pin: un film ben fatto proveniente da un'industria cinematografica poco nota

di 

- Il primo film del regista montenegrino Ivan Marinović è stato presentato in anteprima mondiale in concorso a Sarajevo

The Black Pin: un film ben fatto proveniente da un'industria cinematografica poco nota
Nikola Ristanovski in The Black Pin

Il Montenegro non produce molti film, come si può notare dalla mancanza di articoli sul cinema di questo Paese su Cineuropa, ma anche su altri portali di settore. Tuttavia, le cose sembrano destinate a cambiare, con l'istituzione di un centro cinematografico nazionale a Podgorica nei prossimi mesi e una delle prime voci sulla scena festivaliera internazionale proiettata di recente in concorso a Sarajevo: The Black Pin [+leggi anche:
trailer
intervista: Ivan Marinovic
scheda film
]
, scritto e diretto dall'emergente Ivan Marinović.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Il film è ambientato nella Baia di Luštica, parte della penisola che forma la Baia di Kotor, una parte storicamente distinta del Montenegro, che è stata per secoli sotto il controllo diretto o la forte influenza di Venezia. Oggi, Luštica e il resto della regione costiera sono il sogno di un albergatore che si avvera, e il denaro russo ha inondato il Paese in quantità enormi negli ultimi dieci anni, con investimenti che passavano per un governo corrotto, arricchendo solo una piccolissima elite politico-finanziaria. Pertanto, i proprietari terrieri in queste aree devono stare attenti ed evitare di essere truffati dagli intermediari, ma vedono ancora la loro unica possibilità di uno stile di vita normale nella vendita dei loro terreni.

Nel film, il pastore Peter (l'attore macedone Nikola Ristanovski, che interpreta magistralmente il protagonista) non vuole vendere il suo terreno. Sebbene non sembri avere molta fede religiosa rimasta (una delle sue prime battute recita: "Se siete infelici in questa vita, molto probabilmente sarà lo stesso dopo"), sente una responsabilità verso la sua famiglia e la sua parrocchia. Da quando la moglie lo ha lasciato, è tornato a vivere con l'anziana madre (la leggenda del cinema jugoslavo Jelisaveta Seka Sablić) e il figlio adolescente ribelle Djordje (l'esordiente da tenere d'occhio Filip Klicov), mentre tenta di gestire il mix frustrante di superstizione e religione male interpretata dei suoi parrocchiani. 

Ma il suo appezzamento è esattamente ciò che manca agli abitanti del villaggio, che hanno trovato un acquirente, per vendere la loro terra. Senza il pezzetto di Pietro, non c'è abbastanza terra per chiudere l'affare. Così un gruppo di aspiranti venditori, guidato da Savo (il croato Leon Lučev) e Niko (il serbo Ljubomir Bandović), con l'assistenza astuta del marinaio esperto Dondo (la stella regionale Bogdan Diklić), provano di tutto per convincerlo a vendere - dalla persuasione amichevole ai modi incredibilmente creativi per farlo odiare dagli abitanti del villaggio. Questo, naturalmente, comprende alimentare la loro superstizione, e un'occasione ghiotta è il funerale di una vecchia donna che si diceva essere una strega.

Marinović si avvale di un uso fantastico dei paesaggi splendidi di Luštica, e mette una cura particolare nella progettazione di scene di interni e nell'illuminazione con il direttore della fotografia Djordje Arambašić (che ha dimostrato il suo talento in The Disobedient [+leggi anche:
trailer
festival scope
scheda film
]
e Panama [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
). Ma ancora più importante e interessante, in questa storia, che deve molto alla mentalità locale peculiare, il regista evita il sarcasmo d'accatto e le battute e i dialoghi banali, che sono così tipici delle commedie dei Balcani. Il risultato è un film ben fatto che potrebbe, con una corretta pianificazione e posizionamento, trovare la sua strada sia nei multiplex regionali che nei festival internazionali in cerca di un'opportunità più leggera, ma sempre valida artisticamente.

The Black Pin è una co-produzione tra Adriatic Western del Montenegro e la serba EED Productions, venduta all'estero da Soul Food di Belgrado.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

CNC conférence 6 decembre
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Les Arcs