La ragazza senza nome (2016)
Il più grande sogno (2016)
King of the Belgians (2016)
Un padre, una figlia (2016)
La mia vita di zucchina (2016)
The Ornithologist (2016)
Things to Come (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

PRODUZIONE Francia

email print share on facebook share on twitter share on google+

La delocalizzazione in Vent du Nord di Walid Mattar

di 

- Philippe Rebbot, Mohamed Amine Hamzaoui, Corinne Masiero e Kacey Mottet Klein nel cast dell’opera prima del cineasta, guidata da Barney Production

La delocalizzazione in Vent du Nord di Walid Mattar
Walid Mattar (a destra) con il suo attore principale, Philippe Rebbot, che veste i panni di un uomo che perde il lavoro dopo la delocalizzazione della sua fabbrica in Tunisia (© La Voix du Nord)

Sono in corso dal 1° agosto e fino al 30 settembre, le riprese del primo lungometraggio di Walid Mattar: Vent du Nord. Nel cast figurano Philippe Rebbot (rivelatosi in Mariage à Mendoza [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Edouard Deluc
festival scope
scheda film
]
e ammirato fra gli altri in L'effet aquatique [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, Une famille à louer [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e Les premiers, les derniers [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Bouli Lanners
scheda film
]
), il rapper e attore tunisino Mohamed Amine Hamzaoui, Corinne Masiero (nominata al César 2013 della miglior attrice per Louise Wimmer [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, vista anche in Un sapore di ruggine e ossa [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Jacques Audiard
intervista: Jacques Audiard
scheda film
]
e Discount [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), lo svizzero Kacey Mottet Klein (Shooting Star 2016 dell'European Film Promotion, nominato al César 2013 della miglior promessa per L'enfant d'en haut [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Ursula Meier
festival scope
scheda film
]
, apprezzato anche in Une mère [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e in Keeper [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
intervista: Guillaume Senez ­
scheda film
]
) e Abir Bennai.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Scritta da Leyla Bouzid (Label Europa Cinemas a Venezia l’anno scorso per Appena apro gli occhi [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Leyla Bouzid
scheda film
]
e finalista del premio LUX 2016), Claude Le Pape (nominata al César 2015 della miglior sceneggiatura per The Fighters [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Thomas Cailley
scheda film
]
) e Walid Mattar, la sceneggiatura comincia nel Nord della Francia. La fabbrica di Hervé viene delocalizzata. E’ l’unico operaio a rassegnarvisi perché ha un altro obiettivo: diventare pescatore e trasmettere questa passione a suo figlio. Periferia di Tunisi. La fabbrica è rilocalizzata. Foued, disoccupato, pensa di trovarvi il modo per curare sua madre, e soprattutto per conquistare la ragazza che ama. Le traiettorie di Hervé e Foued si assomigliano e si riflettono.

Prodotto da Saïd Hamich per Barney Production, Vent du Nord è il primo lungometraggio guidato dalla società parigina che aveva coprodotto Much Loved [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
. Coprodotto dai belgi di Hélicotronc e i tunisini di Propaganda, il film è anche sostenuto dall’anticipo sugli incassi del CNC, Pictanovo, Eurimages, con l'aiuto alla produzione del ministero della cultura tunisino, e il Doha Film Institute. Sarà distribuito in Francia da KMBO.

(Tradotto dal francese)

Home Sweet Home
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Les Arcs