American Honey (2016)
Un padre, una figlia (2016)
Il più grande sogno (2016)
King of the Belgians (2016)
La mia vita di zucchina (2016)
The Ornithologist (2016)
La ragazza senza nome (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

PRODUZIONE Romania

email print share on facebook share on twitter share on google+

Il cinema rumeno affronta coraggiosamente soggetti LGBT

di 

- A un decennio di distanza dall’ultimo film con protagonisti omosessuali, due produzioni mostrano che i soggetti LGBT non sono un tabù nel cinema rumeno

Il cinema rumeno affronta coraggiosamente soggetti LGBT
Production picture durante le riprese di Soldiers

Sono oramai passati dieci anni da quando Tudor Giurgiu ha presentato il suo primo film, Love Sick, nella sezione Speciale della Berlinale 2006. Dopo la complicata relazione tra Alex (Ioana Barbu) e Kiki (Maria Popistaşu), i registi rumeni hanno preferito non arrischiarsi ulteriormente nel mondo del cinema LGBT; ma nel 2016, arrivano due produzioni a mostrare che i tempi sono ormai maturi perché queste tematiche ritornino in scena.  

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

La produzione più promettente è il debutto di Ivana Mladenovic, Soldiers. A Story from Ferentari. Prodotto da HiFilm Productions e basato sull’omonimo romanzo autobiografico di Adrian Schiop, il film ha al centro Adi, un antropologo che si trasferisce nel quartiere degradato di Ferentari, per scrivere una tesi di dottorato sul manele, lo stile musicale tipico delle comunità balcaniche. Essendo ovviamente un outsider, ad Adi capita più di un’avventura nel quartiere e la sua vita si fa ancor più complicata dopo l’incontro con Alberto, un gitano sulla trentina che ha passato metà della sua esistenza in prigione. Un amore impossibile nascerà, facendo collidere i mondi totalmente diversi da cui i due provengono. Le riprese sono iniziate il 10 agosto e la produzione prevede che saranno concluse per metà settembre. Mladenovic è autrice della sceneggiatura insieme a Schiop, che ha anche una parte nel film.

L’altra produzione è una mini serie della HBO, Silent Valley, diretta da Marian Crişan (Horizon [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Marian Crisan
scheda film
]
, Morgen [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
). Un adattamento della mini serie norvegese Eye Witness, Silent Valley segue le vite di due adolescenti omosessuali (gli esordienti Theodor Şoptelea e Vlad Bălan) che sono testimoni di un omicidio avvenuto in un bosco. Nel tentativo di tenere segreta la loro relazione, non raccontano alla polizia ciò che hanno visto, per cui le indagini si complicano. Rodica Lazăr e Emilian Oprea interpretano i poliziotti impegnati a scovare l’assassino. La sceneggiatura è opera di Cristian Barna. Silent Valley è stato girato in 48 giorni durante il periodo estivo e l’uscita è prevista per questo autunno.

(Tradotto dall'inglese)

Home Sweet Home
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Les Arcs