Glory (2016)
Waves (2016)
María (y los demás) (2016)
Un padre, una figlia (2016)
United States of Love (2016)
Personal Shopper (2016)
Zoology (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

VENEZIA 2016 Orizzonti

email print share on facebook share on twitter share on google+

Il più grande sogno si avvera nella periferia romana

di 

- VENEZIA 2016: Il "borgataro" Mirko Frezza interpreta qualcuno di molto simile a se stesso nel lungometraggio d'esordio di Michele Vannucci

Il più grande sogno si avvera nella periferia romana
Mirko Frezza in Il più grande sogno

Quando un autore incontra una storia o un personaggio non li lascia andar via, li coltiva, li coccola, li sviluppa, se ne impadronisce. Spesso è la storia o il personaggio che si impadronisce di un regista o uno sceneggiatore. Michele Vannucci, al suo primo lungometraggio con Il più grande sogno [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Michele Vannucci
scheda film
]
, in concorso nella sezione Orizzonti della Mostra di Venezia, ha incontrato Mirko Frezza nel 2012, quando stava facendo del casting per il suo cortometraggio di diploma in regia al Centro Sperimentale. E ha capito che qualcosa di importante era entrato nella sua vita. Quest'uomo di 40 anni dal fisico imponente, lunghi capelli e barba da hipster, tatuaggi tribali e occhi penetranti, aveva una storia da raccontare. La sua.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Un passato difficile nella periferia romana, una moglie, tre figli, una madre e un padre a cui badare. L’avevano eletto presidente di quartiere e aveva aperto un centro sociale. Dopo sei cortometraggi di finzione, cinque documentari e un mediometraggio, nel 2015 Vannucci ha realizzato il cortometraggio Una storia normale, cui è ispirata questa opera prima di lungometraggio, Il più grande sogno, prodotto da Giovanni Pompili per Kino, in collaborazione con Laser Film, Upupa e il sostegno di Roma Lazio Film Commission e il contributo del MiBact.

Mirko Frezza interpreta dunque qualcuno di molto simile a se stesso: un uomo appena uscito da qualche anno di carcere che torna nella sua borgata e cerca di ricostruirsi una vita, possibilmente onesta. Cosa non facile se hai un padre criminale (Vittorio Viviani) e la tentazione è dietro l'angolo. Accanto a sé ha una moglie che lo ama (Milena Mancini) mentre la figlia maggiore Michelle (Ginevra De Carolis) lo accusa di averle abbandonate e di essere tornato per cacciarsi in nuovi guai. Ma Mirko è bigger than life, non smette mai di parlare e muoversi e quando a sorpresa lo eleggono presidente del comitato di quartiere, decide di indirizzare le sue energie su quel "grande sogno" di aiutare la gente riscattandosi dalla sua condizione di ex-delinquente.

Ad affiancare Mirko Frezza c'è anche Alessandro Borghi, il Vittorio di Non essere cattivo [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
(fuori concorso alla Mostra del 2015), considerato uno dei giovani attori più promettenti degli ultimi anni.

Leggi anche

Seneca's Day Lithuania
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Home Sweet Home