Toni Erdmann (2016)
Il più grande sogno (2016)
King of the Belgians (2016)
The Ornithologist (2016)
La mia vita di zucchina (2016)
Things to Come (2016)
La ragazza senza nome (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

VENEZIA 2016 Concorso

email print share on facebook share on twitter share on google+

El ciudadano ilustre: nessuno è profeta in patria

di 

- VENEZIA 2016: Uno scrittore argentino residente in Spagna che torna nel suo paese natale dopo aver vinto il premio Nobel è il protagonista del nuovo film di Mariano Cohn e Gastón Duprat

El ciudadano ilustre: nessuno è profeta in patria
Óscar Martínez in El ciudadano ilustre

Il cinema latinoamericano torna in concorso al Festival Internazionale del Cinema di Venezia dopo essersi aggiudicato i Leoni d’Oro e d’Argento alla passata edizione (il venezuelano Desde allá e l’argentino El clan [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
). Quest’anno aspirano a un premio della competizione ufficiale i cileni El Cristo ciego [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
e Jackie, così come due coproduzioni latinoamericane con l’Europa: il messicano La región salvaje [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
e il film di cui parleremo qui, l’argentino El ciudadano ilustre [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, del duo attivo ormai da anni composto da Mariano Cohn e Gastón Duprat.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Il cittadino onorario cui fa riferimento il titolo è Daniel Mantovani, nativo della piccola cittadina rurale di Salas (Argentina). Mantovani vive in una villa circondato da libri, tecnologia e mobili di design, rimbalzando i suoi editori quando gli chiedono se sta scrivendo qualcosa di nuovo e declinando inviti ad attività ed eventi dopo aver conquistato il premio che più lo potrebbe avvicinare al sistema: il Nobel per la letteratura. L’opera romanzesca di Mantovani ha la caratteristica di essere ambientata e di ispirarsi agli abitanti di Salas, anche se sono più di trent’anni che lo scrittore non torna nel paese dove è cresciuto. Le cose cambieranno il giorno in cui riceverà l’invito del sindaco che intende nominarlo cittadino onorario.

Per il ritorno trionfale nel paese dei suoi ricordi, Mantovani rinuncia a tutto il protocollo abituale, il che dà vita a una serie di scene grottesche che mostrano il divario abissale tra lo scrittore urbanizzato, colto, raffinato e loquace e i compaesani umili, ignoranti, rozzi e pratici. Il programma di attività di Mantovani a Salas rappresenta un'immersione nella realtà per lo scrittore e una fonte di risate per lo spettatore. Ma quella che inizialmente sembra una commedia nera vira dapprima verso il dramma e poi verso la tragedia: dietro l'etichetta di "premio Nobel" si nasconde un vecchio amico, un ex allievo, un’amante difficile da dimenticare… e dietro gli applausi dei concittadini ci sono esseri in carne e ossa, e poco istruiti, che non capiscono come uno di loro se ne sia potuto andare e raggiungere la gloria descrivendoli così severamente nei suoi romanzi.

I registi riescono quasi miracolosamente a mantenere un simile cocktail artistico sulle spalle di un Óscar Martínez tanto malinconico quanto ingegnoso che sfrutta al meglio i dialoghi e i deliri offerti dalla sceneggiatura, concepita come una parabola. Alla fine, su più livelli, e a dispetto del carattere pretenzioso che si deduce dalle sue riflessioni e delle sue battute superficiali ed esplosive, l’insieme risulta molto divertente, come hanno dimostrato gli applausi tributati dai giornalisti al film.

Il film è una coproduzione tra Argentina e Spagna (A Contracorriente Films), ed è venduto nel mondo dalla spagnola Latido Films [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
.

(Tradotto dallo spagnolo)

Leggi anche

CNC conférence 6 decembre
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Les Arcs