Toni Erdmann (2016)
Il più grande sogno (2016)
King of the Belgians (2016)
The Ornithologist (2016)
La mia vita di zucchina (2016)
Things to Come (2016)
La ragazza senza nome (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FESTIVAL Belgio

email print share on facebook share on twitter share on google+

Il Festival del Film Francofono di Namur annuncia la sua programmazione

di 

- Certezze, colpi di fulmine e rivelazioni, dal Quebec alla Cambogia, passando per il Belgio e la Romania, sono in programma per la 31ma edizione del festival

Il Festival del Film Francofono di Namur annuncia la sua programmazione
Diamond Island di Davy Chou

Il Festival del Film Francofono di Namur si terrà dal 30 settembre al 6 ottobre prossimi, nella capitale vallona. In questa 31ma edizione, il festival darà ancora una volta al pubblico l’occasione di scoprire alcune gemme, rivelazioni o vecchie certezze del cinema francofono.  

Molto più esteso del cinema francese, lo spazio cinematografico francofono arriva fino alla Cambogia (Diamond Island [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Davy Chou, quest’anno Premio SACD alla Settimana della Critica di Cannes), al Canada (in particolare con Boris sans Béatrice di Denis Côté), passando per la Tunisia (Zaineb Hates the Snow [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, il nuovo film di Kaouther Ben Hania) o il Senegal (Wùlu [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Daouda Coulibaly, presentato la settimana scorsa a Toronto). Ovviamente, territori francofoni si trovano in Europa, dai più noti come Francia, Belgio e Svizzera, a quelli che non ci aspetteremmo, come la Romania. Quest’ultima ha, tra l’altro, da una decina d’anni un posto speciale nella programmazione del festival e quest’anno parteciperà al concorso con Two Lottery Tickets [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Paul Negoescu
scheda film
]
di Paul Negoescu e Illegitimate [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Adrian Sitaru
scheda film
]
di Adrian Sitaru.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Il FIFF dà l’opportunità di seguire le nuove promesse, come Rachid Djaidani, scoperto nel 2012 a Cannes con Hold Back [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Rachid Djaïdani
festival scope
scheda film
]
e di ritorno quest’anno con Tour de France [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Rachid Djaïdani
scheda film
]
, o autori affermati, come in particolare Arnaud des Pallières (Orpheline [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
), Stéphane Brizé (Une vie [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
Q&A: Stéphane Brizé
scheda film
]
) o Marion Hänsel (En amont du fleuve [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
), tutti e tre in concorso.

Il festival dà grande risalto anche alle opere prime con ben 13 film in concorso quest’anno, tra cui Compte tes blessures di Morgan Simon o Willy 1er [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Ludovic Boukherma, Zoran Boukherma, Marielle Gauthier e Hugo P. Thomas. C’è spazio anche per la produzione francofona belga con i lungometraggi Sonar [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
di Jean-Philippe Martin e Even Lovers Get the Blues [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
di Laurent Micheli, in competizione per la Miglior opera prima e Noces [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
, il nuovo film di Stephan Streker, anche questo notato a Toronto e qui in competizione ufficiale.

(Tradotto dal francese)

CNC conférence 6 decembre
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Les Arcs