Toni Erdmann (2016)
Il più grande sogno (2016)
King of the Belgians (2016)
The Ornithologist (2016)
La mia vita di zucchina (2016)
Things to Come (2016)
La ragazza senza nome (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

OSCAR 2017 Repubblica Ceca

email print share on facebook share on twitter share on google+

Lost in Munich è stato scelto come candidato ceco agli Oscar

di 

- La Repubblica Ceca ha scelto lo stravagante film di Petr Zelenka per correre agli Oscar

Lost in Munich è stato scelto come candidato ceco agli Oscar
Lost in Munich di Petr Zelenka

La Czech Film and Television Academy ha dovuto soppesare 49 lavori tra film di finzione, documentari e animazioni, prima di scegliere il titolo che avrebbe rappresentato il paese oltre Atlantico. Nonostante il debutto di Petr Kazda e Tomáš Weinreb, I, Olga Hepnarová [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
film focus
intervista: Tomáš Weinreb, Petr Kazda
scheda film
]
, abbia mietuto successi nel circuito dei festival, conquistando premi e acclamazioni della critica e, in ultimo, la proposta per gli European Film Awards, l’Academy ha deciso che sarà Lost in Munich [+leggi anche:
trailer
intervista: Petr Zelenka
scheda film
]
di Petr Zelenka la candidatura nazionale al Miglior film straniero per gli 89mi Academy Awards.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Il film di Zelenka, oltre ad essere tra i titoli proposti per la nomination, come anche I, Olga Hepnarová, ha conquistato altri tre trofei, tra cui il Premio per il Miglior film ai Czech Film Critics’ Awards (leggi la news) e altri due ai Czech Lion Awards (su un totale di 15 nomination - leggi la news). A differenza del biopic storico di Kazda e Weinreb, che riecheggia temi attuali e veicola messaggi universali, Lost in Munich affronta un tema strettamente legato alla storia ceca.

In una trama piuttosto complicata, Zelenka sovrappone diversi livelli, combinando sapientemente sconcerto e metatestualità. Il film si apre con il pappagallo novantenne del politico Edouard Daladier che ripete, starnazzando, dichiarazioni fatte da Daladier stesso, tra cui “Il Fuhrer è un grande”; ripercorre le fasi dell’Accordo di Monaco e dell’annessione alla Germania nazista di una parte della Cecoslovacchia (nota anche come il diktat di Monaco), prima di finire con un arguto commento sulle difficoltà di fare film, in uno svolgimento narrativo tanto assurdo quanto comico. L’Academy ha definito Lost in Munich “originale, divertente e acuto” e ha ricordato le reazioni positive del pubblico internazionale. Questa non è la prima volta che un’opera di Zelenka viene nominata per la corsa agli Oscar, perché già il suo originale adattamento dei Fratelli Karamazov di Dostoyevsky era stato scelto come candidato nazionale all’81ma edizione degli Academy Awards.

Altri film che si sono piazzati in alto in classifica sono Family Film [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Olmo Omerzu
scheda film
]
del nuovo talento Olmo Omerzu, una ventata d’aria fresca nei film a tema familiare; il già menzionato I, Olga Hepnarová; The Teacher [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Jan Hřebejk
scheda film
]
, una dramedy di Jan Hřebejk; e la straziante parabola We Are Never Alone [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Petr Vaclav
scheda film
]
di Petr Václav.

(Tradotto dall'inglese)

CNC conférence 6 decembre
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Les Arcs