Un padre, una figlia (2016)
Toni Erdmann (2016)
La mia vita di zucchina (2016)
Fuocoammare (2016)
The Happiest Day in the Life of Olli Mäki (2016)
Park (2016)
Waves (2016)

FESTIVAL Svezia/Paesi nordici

email print share on facebook share on twitter share on google+

Malmö si prepara per il Nordisk Panorama di quest'anno

di 

- Il principale festival nordico per documentari e cortometraggi si apre oggi e non proietterà solo film nelle sale

Malmö si prepara per il Nordisk Panorama di quest'anno
Becoming Zlatan di Fredrik e Magnus Gertten

Il Nordisk Panorama, lanciato nel 1990 come festival itinerante nei cinque Paesi nordici, ha avuto sede fin dal 2013 a Malmö, Svezia meridionale, dove presenta proiezioni non solo nei cinema, ma anche in musei d'arte, sale espositive, biblioteche e altri luoghi di interesse culturale.

L'evento è difficile da evitare: nell'arco di sei giorni, a partire da oggi (16 settembre), proietterà film sulle facciate degli edifici della città (A Wall Is a Screen), e combinerà nuoto e proiezioni al Poolcinema. Ci saranno numerose esperienze interattive e di realtà virtuale nella Orgasm Room, ed inoltre Welcome to Krabstadt e VROOM, così come Knit-a-long-Cinema, Boat Dinner e Film Discussion, per non parlare del Bike Like Zlatan Tour, che segue le orme del calciatore svedese Zlatan Ibrahimovic, nato a Malmö.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Ibrahimovic è la star di Becoming Zlatan dei registi svedesi Fredrik e Magnus Gertten, uno dei 14 contendenti al titolo di Miglior Documentario Nordico e al premio di €11.000 sponsorizzato dai canali nordici. Il programma - e il festival - saranno aperti da Magnus [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del regista norvegese Benjamin Ree, che narra di Magnus Carlsen, che a 22 anni è diventato il Campione Mondiale di Scacchi ed è stato nominato una delle persone più influenti in vita dalla rivista Time.

La selezione dei film documentari comprende anche beniamini dei festival internazionali di registi danesi quali Motley’s Law di Nicole Horanyi Nielsen, e Return of the Atom di Mika Taanila e Jussi Eerola, Brothers [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del regista norvegese Aslaug Holm, il controverso The Magnitsky Act – Behind the Scenes del regista russo Andrei Nekrasov (produzione norvegese), e Reflections e MonaLisa Story delle registe svedesi Sara Broos e Jessica Nettelbladt.

Ci sono 26 titoli in lizza per il Miglior Cortometraggio Nordico (e un premio di €7,000), e dieci registi giovani ed emergenti competeranno per la Miglior Nuova Voce Nordica, presentando le loro prime fatiche - tra cui tre provenienti dall'Islanda (un piccolo Paese con una popolazione di 330.000 abitanti, che produce fino a sei lungometraggi ogni anno): Katrin Bjorgvinsdottir (con Best Friends Forever and Ever), Thordur Palsson (Brothers) e Anna Gunndis Gudmundsdottir (I Can’t Be Seen Like This).

(Tradotto dall'inglese)

Seneca's Day Lithuania
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Home Sweet Home