La ragazza senza nome (2016)
Il più grande sogno (2016)
King of the Belgians (2016)
Un padre, una figlia (2016)
La mia vita di zucchina (2016)
The Ornithologist (2016)
Things to Come (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

SAN SEBASTIÁN 2016 Concorso

email print share on facebook share on twitter share on google+

Lady Macbeth: una rabbia incontenibile

di 

- SAN SEBASTIÁN 2016: Una donna si ribella a chi la circonda (e alla propria condizione umana) in questo film d’epoca, contenuto e selvaggio, dell’inglese William Oldroyd

Lady Macbeth: una rabbia incontenibile
Florence Pugh in Lady Macbeth

Una determinata messa in scena non sempre è sinonimo di un determinato approccio a un tema. Il regista britannico William Oldroyd, già regista teatrale, ha scelto di dimostrare questa massima nella sua opera prima Lady Macbeth [+leggi anche:
trailer
intervista: William Oldroyd
scheda film
]
, un film in cui tutto sembra calmo in superficie, ma estremamente tumultuoso in profondità. Il film, presentato in concorso al 64° Festival di San Sebastián, dopo la sua prima mondiale al 41° Festival di Toronto, è un esemplare cristallino di un elegante film d’epoca dietro cui si cela una violenta ribellione contro tutto.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

La storia è adattata dalla drammaturga Alice Birch dal racconto breve del russo Nikolái Leskov, Lady Macbeth de Mtsensk, che a sua volta Shostakóvich adattò da un’opera che lo stesso Stalin censurò come sovversiva. In essa, una donna (lì Katerina, qui Katherine) è costretta a sposarsi con un uomo del doppio della sua età, rispettabile e di buona famiglia, come parte dell’accordo stipulato tra i rispettivi genitori, che prevede per la giovane un appezzamento di terreno in dote, per aumentarne il valore sul mercato. Nelle inquadrature statiche, simmetriche e semplici che ci introducono i personaggi, già si indovina quale sarà il pilastro del film: la fiera interpretazione della sua protagonista, Florence Pugh, che brilla in ogni suo sguardo, gesto e parola.

Katherine, cui viene richiesto di essere pudica e decorosa, rimanere confinata all’interno della sua casa e assolvere a tutti i doveri nei confronti del suo impassibile e crudele marito (Paul Hilton), non è disposta a seguire questo cammino. Quando lui e suo padre (Christopher Fairbank), persino più severo e despota del figlio, escono momentaneamente di casa, lei trova uno spiraglio nel suo mondo incorsettato attraverso il quale concedersi alla rabbia e alla passione, in parti uguali: lo stalliere Sebastian (un instintivo e animale Cosmo Jarvis). Katherine, in quanto donna decisa a rivoluzionare tutto per mettersi nella condizione di riprendere il controllo della sua vita, trascura i suoi doveri, si arrabbia, introduce Sebastian in casa come se fosse il nuovo signore e disprezza sempre di più la sua domestica Anna (Naomi Ackie) per la sua abnegazione. Nel momento in cui il suo piano non va come previsto, Katherine si mostra disposta a tutto, proprio tutto, per ottenere ciò che vuole.

E’ lì che il film cresce: nel ritratto contenuto della rabbia che cova nell’intimo di una donna negata, di una donna decisa a lottare per i suoi desideri in un’epoca in cui il genere femminile era confinato all’interno di una stanza e costretto in corsetti e crinoline, affogato nell’apatia. Oldroyd ritrae con gran polso le conseguenze di tale situazione, senza giustificarle, senza giudicarle, attraverso una di queste donne che, perdendo la bussola morale e la consapevolezza di sé, è incapace di confrontarsi direttamente con una cosa così chiara (e così complicata) come la propria condizione umana. Siamo, in realtà, cattivi per natura, e quello che ci manca è solo l’occasione per dimostrarlo, senza alcun rimorso? Katherine ha qualcosa da dire su questo.

Il film è prodotto da Sixty Six Pictures e iFeatures; Protagonist Pictures lo vende nel mondo.

(Tradotto dallo spagnolo)

Leggi anche

CNC conférence 6 decembre
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Les Arcs