La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
Paris La Blanche (2016)
Félicité (2017)
Waldstille (2016)
The Other Side of Hope (2017)
Noces (2016)
El bar (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

GDYNIA 2016 Premi

email print share on facebook share on twitter share on google+

The Last Family trionfa a Gdynia

di 

- Il primo lungometraggio di Jan P. Matuszynski ha ottenuto cinque trofei, tra cui il titolo di miglior film e il premio del pubblico

The Last Family trionfa a Gdynia
Jan P. Matuszynski, con il suo premio a Gdynia (© Festiwal Filmowy w Gdyni)

Tradizionalmente assegnati al regista e ai produttori del miglior film, i Leoni d’Oro della 41a edizione del Festival de Gdynia sono andati a The Last Family [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
. Presentato in concorso a Locarno, il primo lungometraggio del giovane cineasta Jan P. Matuszynski è stato prodotto da Leszek Bodziak e Aneta Hickinbotham per Aurum Film.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)


Ispirato alla vita del celebre pittore polacco Zdzislaw Beksinski, il film ha anche conquistato i due principali premi dell’interpretazione (primo ruolo femminile per Aleksandra Konieczna che incarna la moglie dell’artista, e primo ruolo maschile per Andrzej Seweryn), il premio del pubblico e quello attribuito dalla stampa.

I Leoni d’Argento sono stati assegnati a I’m a Killer di Maciej Pieprzyca, prodotto da Renata Czarnkowska-Listos e Maria Golos per RE Studio. Il regista, che aveva già ottenuto questo riconoscimento nel 2013 (con Life Feels Good [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
), ha avuto anche la meglio nella categoria della miglior sceneggiatura.

Il terzo gran vincitore del festival è United States of Love [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Tomasz Wasilewski
scheda film
]
di Tomasz Wasilewski. Premiato lo scorso febbraio a Berlino con l’Orso d’Argento della miglior sceneggiatura, il film ha ottenuto cinque trofei a Gdynia: regia, ruolo secondario femminile (Dorota Kolak) e maschile (Lukasz Simlat), montaggio (Beata Walentynowska) e costumi (Monika Kaleta).

Con sommo dispiacere di gran parte del pubblico e della critica, Hatred [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Wojciech Smarzowski non ha vinto nulla nelle categorie principali, ma è stato ricompensato per la fotografia (Piotr Sobocinski), il trucco (Ewa Drobiec) e il miglior interprete giovane (Michalina Labacz). 

Il titolo di miglior regista di un’opera prima è stato attribuito a Bartosz M. Kowalski per Playground [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Bartosz M. Kowalski
scheda film
]
(che ha avuto la sua prima mondiale in competizione a San Sebastian), il premio speciale della giuria a The Red Spider [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Marcin Koszalka
scheda film
]
di Marcin Koszalka (distintosi per il suo coraggio nell’andare oltre i limiti dei generi) e il tradizionale premio alla carriera a Janusz Majewski. Si segnalano infine un premio speciale, fuori concorso, assegnato a Andrzej Wajda per il suo nuovo film, Afterimage [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Zofia Wichlacz
scheda film
]
, presentato in proiezione speciale. "Sono invecchiato un po’, non ho voluto quindi partecipare alla competizione", ha dichiarato il "patriarca" del cinema polacco che festeggia quest’anno il suo 90° compleanno.

I vincitori:

Leoni d'Oro - Miglior film
The Last Family [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
- Jan P. Matuszynski

Leoni d’Argento
I’m a Killer - Maciej Pieprzyca

Premio speciale della giuria
The Red Spider [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Marcin Koszalka
scheda film
]
- Marcin Koszalka

Miglior regia
United States of Love [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Tomasz Wasilewski
scheda film
]
- Tomasz Wasilewski

Miglior regia di un’opera prima
Playground [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Bartosz M. Kowalski
scheda film
]
- Bartosz M. Kowalski

Miglior sceneggiatura
I’m a Killer - Maciej Pieprzyca

Miglior primo ruolo femminile
Aleksandra Konieczna - The Last Family

Miglior primo ruolo maschile
Andrzej Seweryn - The Last Family

Miglior secondo ruolo femminile
Dorota Kolak - United States of Love

Miglior secondo ruolo maschile
Lukasz Simlat - United States of Love

Miglior giovane interprete
Michalina Labacz - Hatred

Miglior fotografia
Piotr Sobocinski - Hatred

Miglior montaggio
Beata Walentynowska - United States of Love

Miglior suono
Marcin Kasinski, Kacper Habisiak - The High Frontier

Miglior musica
Janusz Wojtarowicz, Paweł Baranek, Marcin Gałażyn (Motion Trio) - The Happiness of the World

Miglior trucco
Ewa Drobiec - Hatred

Migliori costumi
Monika Kaleta - United States of Love

Premio speciale della giuria fuori concorso
Afterimage [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Zofia Wichlacz
scheda film
]
- Andrzej Wajda

(Tradotto dal francese)

CASI HECHO Home
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Doc Spring