Toni Erdmann (2016)
Il più grande sogno (2016)
King of the Belgians (2016)
The Ornithologist (2016)
La mia vita di zucchina (2016)
Things to Come (2016)
La ragazza senza nome (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

GDYNIA 2016

email print share on facebook share on twitter share on google+

Afterimage: Andrzej Wajda rende omaggio al suo pittore preferito

di 

- Il veterano regista polacco ha presentato la sua ultima opera in proiezione speciale al Festival di Gdynia. Un film "schizzato" dal talento dell'attore Boguslaw Linda

Afterimage: Andrzej Wajda rende omaggio al suo pittore preferito

Con una standing ovation il pubblico ha salutato la comparsa di Andrzej Wajda sulla scena del festival di Gdynia dove il regista (che ha compiuto 90 anni quest'anno), è venuto a presentare in anteprima, fuori concorso e in un'unica proiezione speciale, il suo 40° film: Afterimage [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
.

Ritratto di uno degli artisti visivi preferiti dal regista polacco, Afterimage è incentrato sul personaggio di Wladyslaw Strzeminski, importante figura della pittura d'avanguardia della prima metà del XX secolo in Polonia, assistente di Malevich e autore della teoria artistica dell'unismo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Dall'inizio del film, Wajda ci invita a seguire questa storia da una doppia prospettiva d'interpretazione. Strzeminski (Boguslaw Linda) sta dipingendo nel suo appartamento-atelier quando una squadra di operai fissa sulla parete esterna del suo edificio un gigantesco ritratto di Stalin. Stampato su un tessuto rosso, questo ritratto impedisce completamente la vista dalla finestra dell'atelier di Strzeminski e immerge tutto l'appartamento in una luce rosso sangue. E gli è impossibile continuare il suo lavoro. Questo gesto, una sorta di aggressione, è come una condanna per il pittore: è bloccato dentro, isolato dal mondo, come in prigione. Ma si oppone e reagisce brutalmente. Prendendo uno dei suoi cavalletti, colpisce e lacera il tessuto del ritratto.

Il film di Wajda è uno sguardo sulla lotta dell'artista contro i poteri comunisti che, passo dopo passo, lo privano di tutti i suoi diritti. Dal momento che Strzeminski non vuole accettare il nuovo programma imposto agli artisti e agli insegnanti d'arte, quello del realismo socialista, viene licenziato dal liceo di belle arti di Lodz, dove insegnava storia dell'arte (prima dei suoi studi cinematografici, Wajda fu a sua volta studente di belle arti presso la stessa istituzione). Radiato dalla lista dei membri dell'associazione degli artisti, è totalmente privo di mezzi di sostentamento. Umiliato, senza denaro né buoni pasto forniti dalla scuola e dall'associazione, Strzeminski piomba nella miseria. Disabile e gravemente malato, farà una tragica fine.

All'origine di questo progetto a cui pensava da 20 anni, Wajda intendeva realizzare un film sulla vita di coppia che univa il pittore e Katarzyna Kobro, una delle più famose artiste polacche del XX secolo. Ma il regista decise infine di non raccontare il rapporto estremamente difficile che legava i due artisti. Quello che ci offre invece, è uno schizzo delicato del personaggio della figlioletta di Strzeminski, dell'amicizia del pittore con il famoso poeta Julian Przyboś e della lotta di un piccolo gruppo di studenti fedeli che presero le difese di Strzeminski.

Costruito su una modalità narrativa classica, Afterimage mette in luce il suo straordinario protagonista Boguslaw Linda, attore leggendario in Polonia che in passato ha lavorato con i più grandi registi del Paese (tra cui Kieslowski, Holland, Falk, Kolski, Bajon). Dopo alcuni anni un po' nell'ombra di altre stelle nazionali maschili, l'attore torna alla ribalta con Afterimage, impregnando il film con il suo talento e il suo stile. Da segnalare inoltre il lavoro di Pawel Edelman (Il Pianista [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Venere In Pelliccia [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Roman Polanski
scheda film
]
, Carnage [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Katyn [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Andrzej Wajda
intervista: Michal Kwiecinski
scheda film
]
, Aftermath [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
) alla direzione della fotografia.

Prodotto da Akson Studio, Afterimage è stato co-prodotto da National Audiovisual Institute, TVP, EC1 e Tumult Foundation, e sostenuto dal Polish Film Institute. Il film uscirà in Polonia il 13 gennaio 2017 tramite Akson Dystrybucja che gestisce anche le vendite internazionali.

(Tradotto dal francese)

Leggi anche

CNC conférence 6 decembre
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Les Arcs