Glory (2016)
Waves (2016)
María (y los demás) (2016)
Un padre, una figlia (2016)
United States of Love (2016)
Personal Shopper (2016)
Zoology (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

VARSAVIA 2016 Competizione Free Spirit

email print share on facebook share on twitter share on google+

Train Driver's Diary: spirito gentile e humor nero si fondono per ottenere il massimo effetto

di 

- Il regista Miloš Radović colpisce nel segno con il suo terzo film, con l'aiuto di alcuni input cruciali dell'attore-produttore Lazar Ristovski

Train Driver's Diary: spirito gentile e humor nero si fondono per ottenere il massimo effetto
Lazar Ristovski in Train Driver's Diary

Dopo la sua prima mondiale al Moscow International Film Festival e la vittoria del suo premio del pubblico, il rappresentante serbo agli Oscar, Train Driver's Diary [+leggi anche:
trailer
intervista: Milos Radović
scheda film
]
, dello sceneggiatore-regista Miloš Radovićè stato presentato nella Competizione Free Spirit del Festival di Varsavia. Questa tragicommedia per il grande pubblico con una generosa dose di humor nero potrebbe fare molto bene, non solo nel circuito d'essai ma, con la promozione giusta, potrebbe anche fare felice il pubblico dei multiplex, soprattutto in Europa orientale. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Il film inizia con la voce fuori campo del protagonista Ilija (l'attore e produttore Lazar Ristovski) che ci dice quante persone ha inavvertitamente ucciso durante la sua carriera di macchinista. Lo vediamo poi schiantarsi contro un furgone contenente un complesso di fiati gypsy da sei elementi. La sua successiva visita dallo psicologo è uno dei momenti più divertenti del film.

Nel frattempo Sima, di dieci anni, è deluso quando scopre che i suoi veri genitori sono morti e fugge dal suo orfanotrofio, con l'intenzione di suicidarsi. Naturalmente, decide di farlo gettandosi sotto un treno. Questa volta, Ilija riesce a frenare all'ultimo momento, e prende il ragazzo sotto la sua ala.

Otto anni dopo, Sima (l'attore dilettante Petar Korać) si è laureato e vuole diventare un macchinista. Ovviamente, Ilija non glielo permetterà, sebbene i loro vicini, Sida (Jasna Djuričić, di Barbarians [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Ivan Ikic
scheda film
]
) e suo marito, altro macchinista, Dragan "Diesel" (Mladen Nelević, di The Parade [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
) tentino di convincerlo del contrario. Vivono tutti in un deposito ferroviario, dove Ilija possiede una grande stanza dove coltiva fiori, e la coppia vive in un autotreno ben organizzato. C'è anche l'amica di Ilija, Jagoda (Mirjana Karanović), e i due trascorrono spesso insieme serate intime ma platoniche. 

È un film bello nel senso più letterale. Il suo spirito di gentilezza è ottimamente inframmezzato da scariche di humor nero, e il cast era evidentemente ispirato, dando così vita a personaggi affascinanti che interagiscono in modo intrigante tra loro. Il ruolo del brontolone buono d'animo spetta a Ristovski, mentre la Djuričić e la Karanović recitano in modo meravigliosamente non scontato. In questo ruolo, Korać mostra la stoffa di un potenziale bravo attore, purché abbia i ruoli giusti e la possibilità di affinare le sue abilità. 

Lo sceneggiatore e regista Radović è partito in quarta, vincendo un Premio della Giuria a Cannes per il suo cortometraggio The Sudden and Premature Death of Colonel KK nel 1987, ma i suoi film Small World (2003) e Falling into Paradise [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(2004), sebbene abbiano diverse qualità, non hanno avuto un gran successo. Tuttavia, con questo film, la sua collaborazione con il direttore della fotografia Dušan Joksimović (The Parade) che dipinge il film con colori caldi e autunnali, il montatore Djordje Marković (Tears for Sale), che conferisce il giusto ritmo, e la musica espressiva e giocosa, ma mai sopra le righe del croato Mate Matišić, il regista ha fatto un film che sicuramente merita molto più di una visibilità intermittente ai festival.

Train Driver's Diary è la seconda vittoria di quest'anno per i partner di co-produzione Zillion Film dalla Serbia e Interfilm dalla Croazia, la prima delle quali è stata il titolo della Berlinale di Zrinko Ogresta On the Other Side [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Zrinko Ogresta
scheda film
]
(co-sceneggiato e musicato da Matišić) - entrambi i film sono i rappresentanti agli Oscar dei loro rispettivi Paesi. I diritti internazionali di Train Driver's Diary sono disponibili, e potrebbe ripagare un agente di vendita e il rispettivo distributore con coraggio e spirito creativo.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Seneca's Day Lithuania
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Home Sweet Home