Toni Erdmann (2016)
Il più grande sogno (2016)
King of the Belgians (2016)
The Ornithologist (2016)
La mia vita di zucchina (2016)
Things to Come (2016)
La ragazza senza nome (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FESTIVAL Svizzera

email print share on facebook share on twitter share on google+

Il Geneva International Film Festival Tous Ecrans annuncia la sua succulenta programmazione

di 

- Arrivato alla sua 22esima edizione, il festival non smette di stupire innovandosi come pochi festival sanno fare

Il Geneva International Film Festival Tous Ecrans annuncia la sua succulenta programmazione
Apnée di Jean-Christophe Meurisse

A giusto titolo Emmanuel Cuénod, direttore generale ed artistico del Geneva International Film Festival Tous Ecrans, definisce la manifestazione come “la più puntigliosa in Svizzera a livello delle differenti realtà numeriche”. Anche quest’anno infatti la manifestazione ginevrina (la sua 22esima edizione si terrà quest’anno dal 4 al 12 novembre) non smentisce la sua fama di festival innovativo “che ha come vocazione quella di celebrare la diversità dei nostri schermi”.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Oltre alle immancabili Competizioni internazionali di lungometraggi e serie TV, si aggiungono quest’anno logicamente anche quella delle opere in realtà virtuale e quella dei videoclip. A coronare il tutto un folto gruppo di opere presenti nelle numerose sezioni non competitive, una ricca serie di avvenimenti, fra cui una tavola rotonda dedicata allo Swiss Fiction Movement, gruppo che riunisce giovani cineasti di tutta la Svizzera che hanno come obiettivo quello di accrescere la diversità dei film di finzione in Svizzera e di offrire un trampolino ai nuovi venuti, senza dimenticare il Geneva Digital Market (come è stato rinominato), incontro professionale che sviluppa la riflessione sul futuro del cinema digitale e dell’audiovideo. Immancabile anche la tavola rotonda che ospiterà Gilles Marchand, direttore della RTS, e François Tron, il suo omologo della RTBF. 

Emmanuel Cuénod ci tiene a sottolineare l’importanza del cinema all’interno della manifestazione definendolo “la bussola con la quale tutta la produzione audiovisiva si orienta”. Fra i dieci film selezionati nella Competizione internazionale troviamo i francesi Apnée [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Jean-Christophe Meurisse, Sac la mort [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Emmanuel Parraud e Swagger [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Olivier Babinet, tutti e tre presentati a Cannes, l’affascinante Park [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sofia Exarchou
scheda film
]
della greca Sofia Exarchou e il toccante The Giant [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Johannes Nyholm
scheda film
]
dello svedese Johannes Nyholm, che anno entrambi debuttato al Festival di Toronto. Sempre nella sezione cinema, ma questa volta negli Highlight Screenings, verrà proiettato in prima svizzera l’ultimo film di Adolfo Arrieta Belle Dormant, così come i due film vincitori del Prix de la mise en scène a Cannes Personal Shopper [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Artemio Benki
intervista: Olivier Assayas
scheda film
]
di Olivier Assayas e Graduation [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
Q&A: Cristian Mungiu
scheda film
]
del rumeno Cristian Mungiu, senza dimenticare l’avant-première di Fai bei sogni [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Marco Bellocchio
scheda film
]
di Marco Bellocchio. La sezione Rien que pour vos yeux che raggruppa i colpi di fulmine dell’equipe di programmazione, mette sotto i riflettori il corpo come vettore di libertà presentando dieci film intriganti e un tantino spregiudicati come i documentari Porno e libertà [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dell’italiano Carmine Amoroso, e Vape Wave [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
di Jan Kounen, prodotto dalla svizzera Media Screen. Fra le finzioni ritroviamo invece i francesi Malgré la nuit [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Philippe Grandrieux e Le Parc [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Damien Manivel, accompagnati da Sing Street [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dell’irlandese John Carney.

Come ciliegina sulla torta il festival ci propone quest’anno una ricca e intrigante retrospettiva dedicata alla storia della 3D (Rétrospective Stereoscopia: une histoire de la 3D), e soprattutto un omaggio all’artista e cineasta tailandese Apichatpong Weerasethakul, che riceverà il premio onorifico Film & Beyond Award.

Home Sweet Home
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Les Arcs