120 battements par minute (2017)
A Gentle Creature (2017)
The Erlprince di Kuba Czekaj
Bigfoot Junior (2017)
Scary Mother (2017)
Son of Sofia (2017)
L'altro volto della speranza (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FESTIVAL Norvegia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Non si può andare ancora più a nord: Tromsø si apre con Tongue Cutters

di 

- Il documentario di Solveig Melkeraaen dalla regione 350 chilometri a nord del circolo polare artico aprirà il più grande festival del cinema norvegese, che si terrà fino al 22 gennaio

Non si può andare ancora più a nord: Tromsø si apre con Tongue Cutters
Tongue Cutters di Solveig Melkeraaen

La prima mondiale del documentario del regista norvegese Solveig Melkeraaen Tongue Cutters aprirà oggi (16 gennaio) il 27° Tromsø International Film Festival in Norvegia. Ambientato nel villaggio di pescatori nordico di Mira, narra di Tobias, dieci anni, uno dei tanti bambini che lavorano come taglia lingua di merluzzi. Considerate una prelibatezza in Cina e Giappone, in Norvegia le lingue di merluzzo sono semplice cibo quotidiano; ora Ylva, nove anni, di Oslo, vuole imparare questa nuova abilità mentre fa visita ai nonni.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Con 60.619 presenze l'anno scorso, il festival si è qualificato come il maggiore della Norvegia, organizzato in quella che è considerata la città più settentrionale del mondo - ubicata 350 chilometri sopra il circolo polare artico. Di scena durante i pomeriggi e le buie notti polari, i film in programma saranno proiettati in cinque sale e in un "cinema da neve" all'aperto nella piazza principale di Tromsø.

Il film di chiusura (il 21 gennaio) sarà il lancio norvegese della tragicommedia musicale del regista statunitense Damien Chazelle La La Land - con Emma Stone e Ryan Gosling, che ha appena aggiunto un numero record di sette Golden Globe ai suoi 125 premi precedenti - prima dell'uscita nazionale del film tramite Nordisk Film Distribusjon.

La competizione internazionale principale di quest'anno conta 12 titoli, tutti anteprime norvegesi in lizza per il Premio Aurora, il principale dell'evento, il Premio FIPRESCI e il Premio Don Quixote della Federazione Internazionale delle Società Cinematografiche. La line-up include un titolo nordico, Heartstone [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Guðmundur Arnar Guðmundsson
scheda film
]
del regista islandese Guðmundur Arnar Guðmundsson.

Norwegian Horizons presenta sei nuove pellicole locali, come Hunting Flies [+leggi anche:
trailer
intervista: Izer Aliu
scheda film
]
di Izer Aliu, ambientato in una scuola in Macedonia; il vincitore dell'IDFA di Zaradasht Ahmed, Nowhere to Hide [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, che narra di un infermiere nel nord dell'Iraq; e The Rules for Everything [+leggi anche:
trailer
intervista: Kim Hiorthøy
scheda film
]
di Kim Hiorthøy, una commedia su una bambina di dieci anni che cerca di accettare la morte del padre.

Quattro titoli norvegesi sono stati scelti da critici locali e internazionali per la Critics’ Week: il debutto quasi-documentaristico di Jon Haukeland, What Young Men Do [+leggi anche:
trailer
intervista: Jon Haukeland
scheda film
]
, Late Summer [+leggi anche:
trailer
intervista: Henrik Martin Dahlsbakken
scheda film
]
di Henrik Martin Dahlsbakken, Pyromaniac [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Erik Skjoldbjærg
scheda film
]
di Erik Skjoldbjærg e The King’s Choice [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Erik Poppe
scheda film
]
di Erik Poppe, in lizza per la nomination all'Oscar al Miglior Film Straniero.

Nel frattempo, il programma Sápmi 100 del festival celebra il centenario della prima convention nazionale della popolazione Sami tenutosi nel Paese Sami, la zona artica conosciuta anche come Lapponia, che si estende tra Svezia del nord, Norvegia, Finlandia e Russia. Quattro produzioni Sami sono in programma, tra cui un film-concerto con Pathfinder del regista norvegese Nils Gaup, primo film girato in lingua Sami.

Focus: Turkey è composta da quattro opere prime e da un secondo film di giovani registi turchi, mentre la retrospettiva del 2017 è dedicata a Cristian Mungiu, primo regista rumeno a vincere la Palma d'Oro a Cannes, per 4 Mesi, 3 Settimane e 2 Giorni [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Cristian Mungiu
intervista: Oleg Mutu
scheda film
]
(2007), che sarà proiettato insieme alle sei storie raccontate in Racconti Dell'Età Dell'Oro [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
(2009).

(Tradotto dall'inglese)

Sarajevo Report
Locarno Report
DPC
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss