A Gentle Creature (2017)
120 battements par minute (2017)
Western (2017)
Scary Mother (2017)
The Nile Hilton Incident (2017)
The Erlprince (2016)
Grain (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

CANNES 2017 Giuria

email print share on facebook share on twitter share on google+

Cristian Mungiu presiede la giuria dei corti e della Cinéfondation di Cannes

di 

- Il cineasta rumeno valuterà i film in lizza a maggio sulla Croisette nella Selezione Cinéfondation e la competizione dei cortometraggi

Cristian Mungiu presiede la giuria dei corti e della Cinéfondation di Cannes
Il regista Cristian Mungiu (© Dan Beleiu)

I film delle scuole di cinema della Selezione Cinéfondation e i cortometraggi in concorso al 70° Festival di Cannes (dal 17 al 28 maggio) saranno valutati da una giuria presieduta dal cineasta rumeno Cristian Mungiu che succede in questo ruolo a Naomi Kawase, Abderrahmane Sissako, Abbas Kiarostami, Jane Campion, Jean-Pierre Dardenne e Martin Scorsese.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ricordiamo che il regista è un vero e proprio "figlio di Cannes" poiché tutti i suoi lungometraggi vi sono stati presentati, dalla sua rivelazione nel 2002 alla Quinzaine des réalisateurs con Occident alla Palma d’oro conquistata nel 2007 con 4 mesi, 3 settimane, 2 giorni [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Cristian Mungiu
intervista: Oleg Mutu
scheda film
]
e i riconoscimenti ottenuti in competizione ufficiale dalle sue opere successive (Oltre le colline [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Cristian Mungiu
intervista: Cristian Mungiu
intervista: Cristian Mungiu
scheda film
]
con il premio della sceneggiatura e quello dell’interpretazione femminile nel 2012, e Un padre, una figlia [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
Q&A: Cristian Mungiu
intervista: Cristian Mungiu
scheda film
]
con il premio della regia l’anno scorso), senza dimenticare il film collettivo Racconti dell’età dell’oro [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, in vetrina al Certain Regard nel 2009.

Il cineasta ha accolto con entusiasmo la sua designazione: "Riconoscere il valore, l’originalità nel cinema non è mai stato facile. Riconoscere il valore di cineasti molto giovani è ancora più difficile. Ma la Cinéfondation è nota per esserci riuscita con grande efficacia. La Cinéfondation ha sempre offerto ai giovani cineasti l’aiuto e il riconoscimento di cui avevano bisogno all’inizio della loro carriera per esprimersi con coraggio e trovare la loro voce. Mi auguro che continui a farlo a lungo con la stessa efficacia e sono fiero di essere coinvolto in questo processo".

(Tradotto dal francese)

Sarajevo Report
Locarno Report
Midpoint TV/Feature
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss