Quello che so di lei (2017)
Bigfoot Junior (2017)
The Party (2017)
Western (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Out (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FILM Spagna

email print share on facebook share on twitter share on google+

Amar: con te fino alla fine del mondo

di 

- Il primo lungometraggio del spagnolo Esteban Crespo esplora con rispetto, estetica e sensibilità il primo amore giovanile, travolgente, intenso ed estremamente fragile

Amar: con te fino alla fine del mondo
Pol Monen e María Pedraza in Amar

Esteban Crespo (Madrid, 1971) scrisse anni fa la sceneggiatura di Amar [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Esteban Crespo
scheda film
]
, ma poiché non riusciva a trasformarla in un film, ne estrasse un paio di scene e ci girò, nel 2005, i suoi primi cortometraggi: Siempre quise trabajar en una fábrica e Amar. Chi li ha visti potrà riconoscere i loro temi e personaggi in questo primo lungometraggio del cineasta, presentato nella sezione ufficiale in concorso al 20º Festival di Malaga – Cine en Español, anche se gli attori sono diversi: se nella versione corta di Amar erano Aida Folch e Alberto Ferreiro a giocare con originali varianti dei ruoli sessuali, ora a farlo sono l’esordiente ma già nota instagrammer María Pedraza e Pol Monen (Los niños salvajes [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
) nella scena di apertura di questo film. Una pellicola che mostra i chiaroscuri della prima relazione sentimentale, quella che viviamo da giovani e inesperti, impregnata di emozioni estreme, intensità, tenerezza, impeto e verità.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Amar parte in alto perché questa scena che lo apre, girata in una stanza inondata di luce, pulizia e colori chiari, mostra la dedizione assoluta, priva di pregiudizi e paure, di una giovane coppia eterosessuale: quella formata da Laura e Carlos, che sperimentano coraggiosamente con la loro sessualità, riponendo una fiducia cieca l’uno nell’altra. Ma la purezza è fragile, come mostreranno i minuti e le sequenze successivi: la società, gli amici e quella grande scuola di vita e di comportamento che è la famiglia, provvederanno a macchiare e adombrare quello che sembrava incontaminato, ferreo e indissolubile.

Crespo, senza cadere in morbosità o esibizionismo carnale, introduce la sua camera nell’intimità di questi due giovani che credono di vivere la passione della loro vita, con i loro riconoscibili momenti di fuga, contestazione, dubbio, focosità e ribellione. Carlos e Laura sono due ragazzi che stanno entrando nell'età adulta, lasciando dietro di sé l'illusione, i sogni e la verità per abbracciare, poco a poco, la contraddizione, l'inganno e il tradimento. Così, quella luce all'inizio di Amar andrà spegnendosi gradualmente, quando i personaggi si introdurranno in ambienti e scenari industriali, tenebrosi e caotici. Benvenuti nel mondo reale.

Nonostante questa discesa inevitabile verso l’oscurità, lo sguardo di Crespo sui suoi personaggi trasmette rispetto, affetto e una certa nostalgia; perché anche se quel senso di possesso e quel concetto di eternità insieme che si condivide la prima volta che amiamo e siamo amati possono arrivare a soffocare, dopo l'esperienza vissuta, nessuno potrà mai toglierci quello che è stato. Laura e Carlos matureranno e perderanno fiducia nei sentimenti puri, ma ricorderanno sempre quei momenti insieme come un solo corpo, unici, piacevoli e irripetibili. Lo stesso faranno molti spettatori nel guardarli amarsi l'un l'altro come se non ci fosse un domani in questo Amar che apre, finalmente, le porte del formato lungo a Esteban Crespo, vincitore del Goya e candidato all’Oscar per il suo corto Aquél no era yo.

Amar è una produzione di Avalon P.C., Filmeu e Amar la Película AIE, con la collaborazione diTVE, ICAA, ICO, Filmin e Generalitat Valenciana. La sceneggiatura è scritta dal regista con Mario Fernández Alonso. Il cast è completato da Natalia Tena, Gustavo Salmerón, Greta Fernández, Antonio Valero e Nacho Fresneda. Ángel Amorós ha diretto la fotografia. Avalon D.A. distribuisce il film in Spagna e Global Screen si occupa delle sue vendite.

(Tradotto dallo spagnolo)

Leggi anche

DPC
WBImages Locarno
Swiss Locarno
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss