Glory - Non c'e tempo per i onesti (2016)
One Step Behind the Seraphim (2017)
The Nothing Factory (2017)
Mademoiselle Paradis (2017)
A Ciambra (2017)
On Body and Soul (2017)
The Nile Hilton Incident (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

TRIBECA 2017

email print share on facebook share on twitter share on google+

The Divine Order, una commedia esilarante che nasconde un malcelato disagio

di 

- Con il suo nuovo film (in competizione al Tribeca Film Festival) Petra Volpe continua a parlarci di donne e lo fa mettendo sotto i riflettori un aspetto ben poco glorioso della storia svizzera

The Divine Order, una commedia esilarante che nasconde un malcelato disagio

Forse (anzi molto probabilmente) non tutti sanno che la quieta Svizzera, rannichiata nel cuore dell’Europa, è stata uno degli ultimi paesi al mondo ad introdurre il suffragio femminile. È infatti solo dal 1971 che le donne hanno il diritto di voto e la possibilità ad essere elette a livello federale. Ebbene, è proprio questo “segreto” a lungo ben custodito, che Petra Volpe ha deciso di portare allo schermo con The Divine Order [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Petra Volpe
scheda film
]
(in competizione al Tribeca Film Festival) continuando ad interessarsi alle donne come l’ha fatto sin dall’inizio della sua carriera.

Come il suo precedente Traumland, The Divine Order (vincitore del Prix de Soleure) mette in scena il quotidiano di un gruppo di donne che sebbene separate solo da un mezzo secolo sembrano vivere su due differenti galassie. Eppure senza Nora (la protagonista di The Divine Order) e le molte altre donne che come lei hanno saputo ribellarsi ad un “ordine divino” ingiusto e polveroso, Judith Maria e Mia (le protagoniste di Traumland) non avrebbero di certo potuto godere di quella libertà (complessa ed indispensabile) che oggi sembra ormai un’evidenza. Un’evidenza che Petra Volpe ci fa rimettere nella giusta prospettiva spingendoci a mai abbassare la guardia, e lo fa con quell’(amara) ironia che si sta poco a poco trasformando nel suo marchio di fabbrica.

Come la regista stessa lo dice, dietro l’immancabile riso che il film, improntato sul tono della commedia, suscita, si nasconde un secondo livello di lettura che trasforma le nostre risate in malcelato disagio. Il pubblico ha sicuramente il diritto di sorridere di fronte alle rivendicazioni a dir poco antiquate degli oppositori al diritto di voto per le donne svizzere, ciò nonostante The Divine Order ci riporta sempre alla tragicità di tali propositi. L’internazionalissima Petra Volpe (ha studiato e vissuto in Svizzera, Germania, Polonia, Finlandia e Stati Uniti dove risiede attualmente) rivolge lo sguardo verso la sua terra natale con un distacco ed allo stesso tempo una rassegnata tenerezza che non possono che colpirci in pieno petto. Nora (meravigliosa Marie Leuenberger) incarna una riservatezza tutta elvetica che nasconde al suo interno un vulcano che non aspetta l’ora di eruttare dando il via ad un fiume di lava lento ma inarrestabile. Mettendo in luce una dualità, quella fra campagna e città, che ancor oggi definisce quel piccolo ma complesso paese che è la Svizzera, Petra Volpe ridicolizza quanti si accaniscono aggrappandosi ad un’ottusa e rassicurante tradizione invece di lasciarsi andare ad una sana ma pericolosamente sconosciuta libertà.

L’omaggio che Petra Volpe fa a tutte quelle donne che, attraverso le loro “piccole” rivoluzioni domestiche, hanno permesso alla Svizzera di uscire da una situazione di disuguaglianza a dir poco tragicomica, è tanto necessario quanto rigenerante. Un cocktail vitaminico ed indispensabile che riporta alla luce un subdolo ed ancor oggi (in molti paesi) tristemente attuale meccanismo discriminatorio basato su presunte e pericolose regole “divine”. Senza mai cadere nella retorica ma al contrario riuscendo a far planare su tutto il suo film un’inaspettata freschezza, Petra Volpe ci parla di coraggio, un sentimento di cui le donne, e non solo quelle svizzere, hanno troppo a lungo ignorato il significato ma di cui sono generosamente provviste. Un film giubilatorio che non ha confini ne età. 

Le vendite internazionali di The Divine Order, un film prodotto da Zodiac Pictures International, sono affidate a TrustNordisk.

Leggi anche

Jihlava
San Sebastián Full
Focal Production Value
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss