The Square (2017)
The Erlprince (2016)
Grain (2017)
A Gentle Creature (2017)
Scary Mother (2017)
120 battements par minute (2017)
Western (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FESTIVAL Spagna

email print share on facebook share on twitter share on google+

Documenta Madrid incorona la rivelazione Rati Oneli

di 

- City of the Sun, primo lungometraggio della cineasta georgiana, ottiene il primo premio del 14° Festival Internazionale del Documentario della capitale spagnola

Documenta Madrid incorona la rivelazione Rati Oneli
City of the Sun di Rati Oneli

Quest’anno Documenta Madrid presentava una nuova squadra, con Andrea Guzmán e David Varela alla direzione. Anche se la linea editoriale della manifestazione – celebrata dal 4 al 14 maggio – non è variata nella sostanza, è migliorata nel suo insieme, cosa molto apprezzata dal suo folto pubblico. Il palmarès è stato annunciato lo scorso fine settimana, con il trionfo di Rati Oneli e la sua opera prima, City of the Sun [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, che si è aggiudicato il premio del miglior lungometraggio (dotato di 10.000 €) della sezione internazionale: si tratta di un documentario che scava nella vita della gente che abita in un villaggio minerario semi abbandonato della Georgia post-sovietica. Il film è una coproduzione tra questo paese, il Qatar, gli Stati Uniti e i Paesi Bassi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Un altro titolo europeo premiato è Luz obscura, documentario portoghese di Susana de Sousa Dias, che ha condiviso una menzione speciale della giuria con Machines [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, coproduzione tra Germania, Finlandia e India diretta da Rahul Jain. Nella sezione Fugas si è imposto un film canadese: We Make Couples di Mike Hoolboom, mentre la menzione speciale della giuria è stata attribuita a Stranger in Paradise [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Guido Hendrikx (prodotto dai Paesi Bassi), un film che combina finzione e realtà nell’affrontare il tema del potere tra europei e rifugiati.

Nella sezione nazionale si è imposta la produzione tra Spagna e Messico El remolino, diretta da Laura Herrero Galvín, mentre Esquece monelos di Ángeles Huerta ha ottenuto la menzione speciale, e il film senza dialoghi Paisaxes da Capelada – prima mondiale a Documenta Madrid 2017 – di Alberto Lobelle è stato premiato per la sua eccellente fotografia.

Chico Pereira è stato proclamato miglior regista spagnolo per il suo Donkeyote [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, e Adentro di Pau Coll Sánchez – altra prima mondiale – girato nell’arco di un anno all’interno di un carcere per giovani, ha vinto il premio Movistar + al miglior film latinoamericano.

Il palmarés del Documenta Madrid 2017:

Competizione internazionale

Premio al Miglior lungometraggio
City of the Sun [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
- Rati Oneli (Georgia/Paesi Bassi/Qatar/Stati Uniti)

Menzione Speciale della Giuria (ex aequo)
Luz obscura - Susana de Sousa Dias (Portogallo)
Machines [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
- Rahul Jain (Germania/Finlandia/India)

Competizione nazionale

Premio al Miglior lungometraggio
El remolino - Laura Herrero Garvín

Menzione Speciale della Giuria
Esquece monelos - Ángeles Huerta

Premio alla Miglior fotografia
Paisaxes da Capelada - Alberto Lobelle

Premio Aracne al Miglior regista spagnolo di lungometraggio
Chico Pereira - Donkeyote [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
(Germania/Spagna/Regno Unito)

Competizione internazionale Fugas

Premio al Miglior lungometraggio
We Make Couples - Mike Hoolboom (Canada)

Menzione Speciale della Giuria
Stranger in Paradise [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
- Guido Hendrikx (Paesi Bassi)

Premio MOVISTAR + al Miglior lungometraggio latinoamericano
Adentro - Pau Coll Sánchez (Spagna)


(Tradotto dallo spagnolo)

Sarajevo Report
Locarno Report
Midpoint Feature
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss