Grain (2017)
Las distancias (2018)
Lemonade (2018)
La enfermedad del domingo (2018)
Mes Provinciales (2018)
Transit (2018)
Foxtrot - La danza del destino (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

email print share on facebook share on twitter share on google+

Green Film Shooting: in vena di LED

di 

- Diventare green con diodi a emissione luminosa, generatori avanzati e Snapbag multifunzionali

Green Film Shooting: in vena di LED

(©DoP Choice)

Ci sono molte buone ragioni per i direttori della fotografia e i tecnici delle luci per usare i LED: efficienza energetica, resistenza, flessibilità, e velocità così come le derivanti possibilità di composizione. “Le moderne luci LED rendono possibile l’immediato cambiamento tra le diverse temperature di colore”, spiega Mike Zimmermann amministratore delegato della Lichthaus Berlin. “La disposizione dell’illuminazione può essere cambiata velocemente in base alla luce solare o a quella artificiale”.Girare con le tradizionali lampadine a incandescenza avrebbe costretto a utilizzare diverse unità d’illuminazione e cambiare i gel nel set.

I LED sono vantaggiosi anche per le location all’aperto perché sono di piccole dimensioni e necessitano di generatori meno dannosi per l’ambiente. “I generatori moderni sono dotati di filtri di particelle di fuliggine e non hanno bisogno di funzionare alla massima potenza perché i LED non richiedono molta energia” ha affermato Zimmermann. 

I LED sono particolarmente apprezzati dagli studi cinematografici. Dal 2014, quando la società di produzione tedesca NDR sostituì le lampadine fluorescenti utilizzate per vent’anni nel suo grande studio cinematografico, utilizzò un sistema di retroilluminazione LED che fornisce un’illuminazione omogenea nello studio. Il LedCyc6 fu ideato dalla società Lightequip con sede a Colonia in collaborazione con la società di produzione LDDE.

“Grazie alla LDDE, possiamo ottenere fino al 50% di risparmio energetico”, ha affermato Jörg Droschinski, capo della progettazione illuminotecnica alla NDR. La ZDF ha inoltre munito di LED il suo grande e principale studio di produzione così come quello della capitale a Berlino.

Il sistema di retroilluminazione viene prodotto da pannelli LedCyc9 che forniscono il 30% di luminosità in più, mentre gli SkyPanel S60-C della Arri vengono utilizzati per le illuminazioni in lontananza. La serie televisiva statunitense The Terror, in cui l’equipaggio della Royal Navy sparì mentre era alla ricerca del passaggio a nord-ovest nell’Artico nel 1847, era completamente munita dei LED della Arri. Realizzato in uno studio di Budapest, il paesaggio ricoperto di neve e ghiaccio avrebbe richiesto molta più refrigerazione se fosse stata utilizzata l’illuminazione a incandescenza. “Una volta disponevamo di grossi impianti di illuminazione nello studio; adesso utilizziamo i LED”, afferma Hubertus, Principe di Hohenzollern e capo dell’illuminazione alla Arri. I LED funzionano bene fino a 4 kW. Quando arrivano a circa 5 kW, colpiscono una barriera fisica perché gli elementi di illuminazione devono essere raffreddati per poter funzionare a quel livello. “Pertanto, installiamo molte piccole unità d’illuminazione. Ci vorrà ancora del tempo affinché arriviamo a sostituire la potenza delle lampade a scarica che utilizziamo per gli effetti della luce solare”.

Le società di noleggio, come la Arri Rental di Monaco o la fornitrice di apparecchiature di Amburgo Electric-Sun, stanno registrando un’elevata domanda per gli SkyPanel della Arri. Per la produzione della serie di Netflix Marco Polo girata in Malesia, il tecnico delle luci di Monaco Mike Wächter utilizzò 500 SkyPanel S60-C.

Finora, l’illuminazione dei pannelli da diverse case di produzione ha in ogni caso richiesto diversi accessori di diffusione. Per risolvere tale problema, la DoPChoice di Monaco ha creato le Snapbag, un sistema softbox multifunzionale per i tecnici delle luci che è allo stesso tempo economico e sostenibile in tutta la catena di fornitura. “Le nostre Snapbag sono fatte di acciaio inossidabile e sono cucite con un tessuto riflettente e durevole”, sottolinea Stefan Karle, amministratore delegato e fondatore della DoPChoice. “Stiamo utilizzando materiali robusti e resistenti all’acqua che non si consumano così velocemente”.

(Tradotto da Federica Carriere)

In collaborazione con

 

(Tradotto da Federica Carriere)

VisionsDuReel_Home
Finale Plzen Springboard
Basque Cannes
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss